Avanzi in cucina: come utilizzarli

Ecco alcuni consigli pratici per riutilizzare al meglio gli avanzi in cucina. Cosa si può fare se avanza il risotto, il purè, la carne di pollo o il pane.

Avanzi

 
Capita spesso che ci ritroviamo con degli avanzi in cucina. Magari abbiamo esagerato con le dosi e non sappiamo come riutilizzare le pietanze avanzate. E’ difficile ripresentare in tavola un primo o un secondo avanzato dal pranzo e dalla cena precedente. Sono soprattutto i bambini a storcere il naso. Cosa si può fare? Ecco alcuni consigli pratici.
 
Se avanza del risotto
I bambini gradiranno moltissimo queste crocchette preparate con un risotto avanzato. Basterà unire una o due uova (dipende dalla quantità di riso), un pò di pangrattato e mescolare bene. Formare delle palline che andranno passate in una ciotola dove avrete mischiato insieme farina bianca, farina di mais, pangrattato e un pizzico di sale. 
Friggete le crocchette e servitele calde.
 
Se avanza il purè di patate. 
Unite al purè avanzato delle spezie o erbe aromatiche a vostra scelta. Formate delle palline aiutandovi con un cucchiaio.
Passatele nella fecola e riponetele in una teglia da forno. 
Cuocete in forno a temperatura media per 20 minuti. 
Potete anche surgelare le palline di purè ed utilizzarle in un altro momento!
 
Se avanza il pollo
Noi donne lo sappiamo bene: il pollo avanzato diventa stopposo. Ancora peggio se è avanzato il petto. Ecco come si può “riciclare”: tritate la carne, unite le uova, sempre in quantità adatta alla carne avanzata, erbe aromatiche e sale. A questo punto fate delle polpettine che cuocerete con il metodo di cottura a voi più congeniale (fritte, bollite, in umido, al forno).
 
Se avanza il pane. 
Tagliate il pane a fette e lasciatele ammorbidire nel latte. Mescolate in una ciotola della ricotta, del prezzemolo, dei dadini di prosciutto, sale e pepe. Unite a questo composto il pane ammorbidito. Versate il tutto in una teglia e cospargete la superficie con formaggio grattuggiato. 
Fate cuocere in forno a 180° per 20 minuti e lasciate gratinare alla fine.
 
E come sempre, buon appetito!

Parole di Irene

Irene è stata collaboratrice di Pourfemme dal 2008 al 2014, occupandosi principalmente di tematiche relative alla casa e il fai da te, il benessere, i viaggi.