Autoabbronzanti: come scegliere?

Con un buon autoabbronzante possiamo avere un colorito splendente in pochissimo tempo, utilizzando i nuovissimi prodotti di ultima generazione, assolutamente innocui e privi di effetti collaterali. Nell'applicazione, occorre seguire alcuni accorgimenti per evitare le classiche macchie. Vediamo come fare.

abbronzatura

Se minigonne, hotpants, canottiere e top minimali svelano la vostra carnagione da tintarella di luna, ci sono vari metodi per ravvivarla con un po’ di colore anche quando il mare sembra lontano. La prima possibilità è ovviamente quella di concedervi un week end fuori porta, la seconda è fare una lampada, la terza e più semplice, è di utilizzare un buon autoabbronzante, sicuramente il miglior modo per avere un colorito splendente in pochissimo tempo, in attesa di falsi riscaldare dal tepore dei raggi del sole.

In molte hanno l’idea che gli autoabbronzanti lascino un antiestetico colorito giallognolo come avveniva con i primi modelli in commercio, ma ora i prodotti di nuova generazione sono assolutamente innocui e privi di effetti collaterali, inoltre contengono una sostanza chiamata diidrossiacetone che agisce solo a livello superficiale.
 
Questo principio attivo fa reazione con la cheratina, donando il colorito scuro che desideriamo, destinato a scomparire in 2 o 3 giorni, con il naturale riciclo delle cellule epiteliali.
 
Nell’applicazione, occorre seguire alcuni accorgimenti per evitare le classiche macchie: prima di utilizzare l’autoabbronzante, fare uno scrub aiuta a lisciare la superficie dell’epidermide.
 
In zone critiche come gomiti e ginocchia spalmare molto poco prodotto, o stendere prima un velo di crema idratante.
 
E’ sempre bene utilizzarne poco, stendendolo a piccole dosi e se dopo la prima applicazione il colore ottenuto non ci soddisfa, ripeterlo, ma occorre aspettare qualche giorno prima di correggere il tono raggiunto. Lavate accuratamente i palmi delle mani dopo l’applicazione.
 
La scelta del tipo di autoabbronzante tra spray, fluido, in crema, in salviette, in guanti imbevuti è vastissima, basta assecondare le proprie esigenze.

Parole di Ritana Schirinzi

Ritana Schinzi è stata collaboratrice di Pourfemme dal 2008 al 2014, occupandosi principalmente di bellezza, accessori beauty, stile.