Armocromia e stile: i colori giusti da tenere nell'armadio

Non sapete mai quale colore indossare tra i tanti che vi piacciono, perché avete paura di non scegliere quello giusto per voi? Con l'armocromia potrete risolvere ogni problema.

Armocromia e stile

Foto Shutterstock | Kostikova Natalia

State girando per negozi e notate un abitino splendido, che sembra cucito su misura per voi. Poi lo provate in camerino – o peggio ancora a casa, quando ormai il “danno” è stato fatto – e vi accorgete che addosso a voi non è assolutamente come vi aspettavate. Ammettiamolo, questa è una scena che ciascuna di noi ha vissuto, magari anche più di una volta. Purtroppo, scegliere il colore dei nostri vestiti non è sempre facile. Ma l’armocromia può venirci in aiuto in fattore di stile.

Che cos’è l’armocromia? Si tratta di una disciplina molto in voga negli ultimi anni, grazie alla quale possiamo individuare quali sono le nuance più adatte a noi. Questo studio si basa su alcune nostre caratteristiche fisiche come l’incarnato, il colore dei capelli e quello degli occhi, quindi prende in considerazione quelle che sono le tonalità giuste per mettere in risalto i nostri punti di forza e, al contrario, nascondere quelli deboli.

Armocromia e stile: la scelta dei colori giusti

Sembra molto interessante, non è vero? Se per molte persone basarsi su questa tecnica è indispensabile nella scelta del make up e addirittura della tinta dei capelli, non possiamo certo negare che l’armocromia ha un’enorme influenza anche sul modo di vestire. Seguendo le poche regole che per molto tempo sono state il segreto di consulenti d’immagine ed esperti di look, sarà facile essere sempre impeccabili e vantare un guardaroba perfetto.

Insomma, armocromia e stile vanno a braccetto e dobbiamo assolutamente imparare i trucchetti necessari per far sì di non sbagliare mai più colore. Il primo passo consiste nell’individuare la propria categoria di appartenenza: secondo questa disciplina, ciascuna donna può rivedersi in una stagione (primavera, estate, autunno e inverno). A loro volta, le stagioni si dividono in quattro sottogruppi più specifici, in modo tale da garantire una maggior omogeneità tra coloro che vi appartengono.

La donna primavera e le sue nuance

La primavera è chiara e leggera, caratterizzata da colori radiosi e delicati. Rientrate in questa categoria se avete la pelle molto chiara sui toni dell’avorio, del beige e del pesca, se le vostre guance si arrossano facilmente o se avete le lentiggini. Altri segni caratteristici della stagione sono i capelli biondi o castano chiaro, ma anche quelli con riflessi ramati o dorati, così come gli occhi chiari (azzurri o verdi, oppure marroni con sfumature dorate).

Nel vostro armadio non dovrebbero mai mancare delle nuance di base: beige, arancione, terracotta, cammello, marrone, giallo luminoso e testa di moro. Nella scelta degli abiti potete giocare con colori quali l’azzurro e il verde mela, così come il pervinca e il blu royal. Potete anche sbizzarrirvi con le stampe floreali, purché scegliate colori a contrasto per non appiattire le vostre nuance naturali.

Cosa indossare? I segreti per la donna estate

L’estate è la stagione dei colori lunari, freddi e luminosi. Siete donne dalla pelle diafana e sottotono rosato – se vi scottate facilmente, è probabile che rientriate in questa categoria. I vostri capelli possono essere biondi o castano chiaro, purché presentino una tonalità cenere. Gli occhi, invece, sono prevalentemente azzurri o verdi.

Per voi niente colori caldi o tonalità fluo, che non rendono affatto giustizia al vostro incarnato. Per i vestiti, seguendo le regole di armocromia e stile, puntate piuttosto sulle nuance più tenui del blu, del rosa e del grigio. I colori perfetti sono il blu avio, l’azzurro polvere, il cipria, il rosa antico  il grigio madreperla. Potete osare anche con un bel rosso fragola o un rosso ciliegia, purché vi teniate distanti dalle tonalità aranciate. Per quanto riguarda la fantasia, azzardate con le righine o con i piccoli disegni geometrici.

Armocromia e stile: le donne autunno

La parola stessa ci fa venire in mente una serie di colori dedicati alla terra e al bosco: l’autunno è infatti la stagione calda per eccellenza, dove le tonalità più scure e fredde sono bandite. Nella categoria rientrano le donne che hanno l’incarnato scuro e olivastro, ma anche beige e avorio, con sottotono dorato. I capelli sono biondo chiaro e castani, oppure ramati. Per quanto riguarda gli occhi, infine, le nuance prevalenti sono il verde e il marrone.

Quali abiti inserire nel vostro guardaroba? La prima risposta è quasi scontata: tutte le nuance che fanno riferimento alla terra e all’oro. Via libera a rame, bronzo, marrone, giallo, senape, arancione, cammello e terracotta, così come a colori più intensi quali il verde, il prugna e il rosso. Quelli che invece dovreste evitare sono il nero e il grigio, il viola e tutte le sfumature più cupe. Volete azzardare qualcosa di diverso? Scegliete un abbinamento con fantasia foliage.

Tutti i segreti per la donna inverno

Infine, la stagione dell’inverno è quella caratterizzata dai colori più freddi e intensi. Le donne appartenenti a questo gruppo hanno la pelle che può variare dalle tonalità ebano a quelle beige, con un sottotono freddo. I capelli sono generalmente molto scuri, nelle sfumature del marrone e del nero. Vi rientra però anche il biondo platino, che è un colore molto freddo. Gli occhi sono invece marroni oppure in forte contrasto con i capelli – quindi azzurri o verdi.

Nel vostro guardaroba c’è spazio per tantissime nuance: la palette comprende infatti i colori intensi e vivaci tra cui il blu, il verde, il rosso e il giallo. Potete indossare anche il magenta, il viola, il rosa shocking, il ghiaccio e tutte le sfumature del grigio. Inoltre, siete tra le poche che possono portare il nero e il bianco senza risentirne minimamente. Via libera anche ai pois e alle fantasie a contrasto. I colori da evitare sono quelli caldi come il beige, il marrone, l’arancione e il verde oliva.

Parole di Giulia Sbaffi