Aggressore seriale di donne uccide e brucia una vittima: incastrato dal libro della figlia

Subito dopo l'omicidio, Esposito si è reso protagonista di altri due gravi reati

Pubblicato da Beatrice Elerdini Giovedì 11 ottobre 2018

Aggressore seriale di donne uccide e brucia una vittima: incastrato dal libro della figlia
Foto: Ansa

E’ Raffaele Esposito, 34 anni, il presunto assassino della giovane rumena di 31 anni, trovata carbonizzata a San Donnino, nei pressi dei laghetti ViviNatura, a Modena. A tradirlo un frammento di un libro di scuola della figliastra. Esposito con buona probabilità l’ha utilizzato per dare fuoco al cadavere. Il resto del volume era finito tra le ceneri. Sulla copertina, il nome della piccola. E’ servito un mese di indagini per arrivare all’assassino. Quello che è emerso è un quadro agghiacciante.

Dal 24 agosto al 2 settembre, i Carabinieri di Modena hanno tenuto sotto stretto controllo l’indagato. Già pochi giorni dopo l’omicidio, Esposito è stato immortalato dalle telecamere di sorveglianza mentre tenta di abusare di un’altra donna. Il 34enne afferra la ragazza dalla corporatura esile. Lei non si fa intimorire e grazie a qualche calcio riesce a fuggire.

In un altro episodio, Esposito cerca di sequestrare una donna. La afferra con forza dalle mani nel tentativo di caricarla sull’auto. Lei riesce a scappare e a lui non resta che desistere. A riprenderlo la videocamera di sorveglianza di un’abitazione privata. E’ qui che i Carabinieri lo arrestano.

Due episodi che evidenziano la predisposizione a delinquere dell’indagato. Esposito ora dovrà rispondere di omicidio, violenza sessuale e tentato sequestro. I suoi precedenti aggravano il quadro accusatorio: stupro e rapina.