Accetta proposta di lavoro su Facebook: violentata da un 39enne

L'incubo, per la giovane vittima, sarebbe iniziato poco dopo l'incontro con il sedicente datore di lavoro, un romeno che avrebbe abusato di lei approfittando della fiducia riposta in un presunto contratto lavorativo.

Pubblicato da Giovanna Tedde Mercoledì 26 settembre 2018

Accetta proposta di lavoro su Facebook: violentata da un 39enne
Foto: Pixabay

Cercava un’occupazione come badante, e ha risposto a una proposta di lavoro su Facebook convinta di aver trovato finalmente un posto. Il sedicente datore di lavoro, però, si sarebbe trasformato in aguzzino una volta arrivati al primo incontro. Dietro la promessa di un’assunzione, lo spettro di una violenza sessuale consumata alle porte di Milano.

Proposta di lavoro online: l’inizio dell’incubo

L’incubo di una giovane donna alla ricerca di un lavoro sarebbe iniziato con un banale scambio di informazioni su Facebook.

A contattarla online, dopo aver letto il suo annuncio per la ricerca di un lavoro, un individuo nascosto dietro un profilo fake. L’illusione di aver finalmente trovato occupazione si sarebbe, però, infranta contro il muro di un abuso sessuale il cui perimetro è ancora al vaglio degli inquirenti.

I due si sarebbero incontrati alle porte del capoluogo lombardo, e il sedicente datore di lavoro, un 39enne di nazionalità romena, l’avrebbe violentata.

Alla denuncia della donna è seguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico dell’indagato, su cui gravano le ipotesi di violenza sessuale e lesioni personali. Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Corsico.

Nel gennaio scorso, il caso di un’altra trappola del web: una 15enne è stata stuprata dopo essere stata adescata sui social.