A 18 anni entra in coma, si sveglia e scopre di aver partorito: non sapeva di essere incinta

I medici hanno scoperto che la ragazza è affetta da una malformazione nota come utero didelfo: si tratta di una condizione che si manifesta con lo sviluppo di due uteri.

Pubblicato da Giovanna Tedde Martedì 19 febbraio 2019

A 18 anni entra in coma, si sveglia e scopre di aver partorito: non sapeva di essere incinta
Foto: Pixabay

È entrata in coma e si è svegliata 4 giorni dopo scoprendo di aver partorito. Protagonista una studentessa 18enne, Ebony Stevenson, originaria del Regno Unito. La sua storia ha fatto il giro del mondo, tra stupore e incredulità.

Si sveglia dal coma e scopre di aver partorito

La storia di una ragazza inglese di 18 anni, Ebony Stevenson, è rimbalzata sulle cronache internazionali.

Dopo aver accusato un fortissimo mal di testa, sono arrivate le convulsioni che hanno spinto la madre a portarla al Pronto soccorso. I medici l’hanno messa in coma farmacologico, e si è risvegliata 4 giorni dopo scoprendo di aver partorito una bambina. Non sapeva di essere incinta e, nel corso della gestazione, non aveva mai manifestato alcun sintomo.

Al Royal Oldham Hospital, che ha preso in carico la 18enne, gli accertamenti clinici hanno evidenziato che è affetta da una rara malformazione nota come utero didelfo. Si tratta della presenza di due uteri che costituisce spesso causa di infertilità, condizione che avrebbe contribuito a mascherare la gravidanza.

Mestruazioni regolari, peso nella norma e nessun pancione: Ebony Stevenson non si è accorta di aspettare un bambino.

La piccola Elodie era posizionata nell’utero rivolto verso la schiena, mentre l’altro continuava la sua normale funzionalità producendo un normale ciclo mestruale.

Il parto d’urgenza è avvenuto con un cesareo: madre e figlia sono rimaste in Terapia intensiva per una settimana, oggi stanno bene e hanno fatto ritorno a casa.