38enne muore per l’esplosione di una sigaretta elettronica: frammenti nel cranio

L'uomo ha riportato ustioni sull'80% del corpo e alcuni frammenti si sono conficcati nella sua testa come proiettili

da , il

    38enne muore per l’esplosione di una sigaretta elettronica: frammenti nel cranio

    Un uomo di 38 anni è morto in Florida a causa dell’esplosione della sua sigaretta elettronica. Il cadavere è stato ritrovato in casa dalla polizia, attirata dall’allarme antincendio dell’abitazione.

    Il 38enne riportava ustioni sull’80% del corpo, in particolare su schiena, addome e un lato del corpo comprensivo di spalla, braccio e mano.

    L’autopsia ha attribuito la colpa dell’accaduto all’esplosione di una sigaretta elettronica. Nel cranio della vittima sono stati infatti ritrovati dei frammenti di plastica, che esplodendo si sono conficcati nella testa dell’uomo come dei proiettili.

    Secondo l’US Fire Administration, in 5 anni ci sarebbero stati 195 casi di esplosioni di sigarette elettroniche che hanno causato 133 lesioni acute e in alcuni casi persino incendi.