Il 21 gennaio è la giornata mondiale degli abbracci

Il 21 gennaio è la Giornata mondiale degli abbracci. Soprattutto quest'anno dobbiamo celebrarla, in sicurezza, per trasmettere amore ed alleviare lo stress

abbraccio

Foto Pexels | Gennaro_Leonardi

Il 21 gennaio è la Giornata mondiale degli abbracci. Una ricorrenza di cui, mai come quest’anno abbiamo bisogno. 

Festeggiare questa giornata va al di la del gesto di stringere tra le braccia chi si ama, significa anche sostenere chi ci sta vicino e, soprattutto, chi si sta sacrificando per noi.

Durante i mesi del lockdown, e quelli successivi della “socialità limitata”, sono molte le persone che hanno sentito la mancanza e il bisogno di un contatto umano. Chi ha contratto il virus, chi lavori ogni giorno negli ospedali, chi è residente in Rsa o chi vive in solitudine, tutti ne avremmo avuto bisogno. Per questo motivo, oggi, 21 gennaio, è la Giornata mondiale degli abbracci. E dovremmo tutti onorarla.

abbraccio mamma figlia
Foto Pexels | Elly Fairytale

L’abbraccio che fa bene all’anima

Nei 12 mesi appena trascorsi più che in qualsiasi altra circostanza della vita, ci siamo accorti di quanto il contatto umano e fisico faccia bene alla mente, allo spirito e all’anima. È risaputo, infatti, che stringersi l’un l’altro permetta al corpo di rilasciare endorfine (le sostanze prodotte dal cervello responsabili del buonumore). Per questo l’abbraccio è considerato terapeutico, perché contribuisce ad alleviare ansie e stress.

abbraccio nonno nipote
Foto Pexels | Andrea Piacquadio

Da questa riflessione molte residenze per anziani e ospedali hanno deciso di mandare avanti un’iniziativa apparentemente strana, ma sicuramente necessaria: le stanze degli abbracci.

Sono ambienti protetti e sicuri dove, grazie a teli di plastica trasparente, si possono avvolgere le persone care.

Ritrovare il piacere del contatto

Nonostante risulti particolarmente significativa in questo 2021, la Giornata mondiale dell’abbraccio si festeggia il 21 gennaio sin dal 1986, quando venne istituita. 

Ovviamente, per colpa di Covid, questo gesto naturale sta diventando sempre più strano, temuto e persino pericoloso.

abbraccio ragazza cane
Foto pexels | Samson Katt

Abbracciare (qualsiasi cosa) fa bene

Negarsi il contatto, l’abbiamo capito, è un errore. Ma come fare, se proprio non si può? In queste situazioni, le alternative esistono: dalla pet therapy, dove i beneficiari dei nostri abbracci diventano cuccioli e animali, fino all’iniziativa promossa a Milano da Biancolatte Hugs, dove si abbracciano morbidi peluches.

Il peluche rappresenta l’oggetto che ci riporta all’infanzia, quando non si avevano pensieri né preoccupazioni. L’abbraccio con il peluche va ad agire a livello ormonale abbassando il cortisolo, che è l’ormone dello stress, e consentendo al nostro corpo di rilasciare sostanze benefiche che agevolano la distensione muscolare e l’abbassamento del ritmo cardiaco; il corpo pertanto si rilassa e la mente è più tranquilla“, ha spiegato a Rai dottoressa Marta Di Meo, psicologa e psicoterapeuta esperta in Hug Therapy.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection