10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita

Il nostro pianeta è pieno di posti magnifici, ma quali sono i luoghi da visitare assolutamente? Abbiamo provato a selezionare dieci destinazioni che vi aiuteranno nel (ri)scoprire voi stesse e il mondo che vi circonda... buon viaggio!

10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita

Foto Shutterstock | Patiwat Sariya

Il mondo è pieno di posti magnifici, ma quali sono i 10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita? Non è facile scegliere ed è impossibile stilare una classifica: ci sarebbero troppi fattori da tenere in considerazione, a partire dalle preferenze personali di ognuno di noi che ci spingono verso i luoghi più caldi piuttosto che tra i ghiacci dei paesi del Nord, nelle città più frenetiche e affollate piuttosto che nelle distese sconfinate e disabitate dei grandi deserti.

Noi abbiamo provato a selezionare dieci posti da visitare almeno una volta, spaziando dai grandi parchi americani alla piccola Islanda, dai misteri racchiusi a Macchu Pichu, in Perù, alla spiritualità che pervade i templi indonesiani. Pronti a partire?

Luoghi da visitare: Angkor Wat in Cambogia

Angkor Wat, Cambogia
Angkor Wat, Cambogia | Foto Shutterstock – R.M. Nunes

Cominciamo il nostro giro del mondo dei 10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita dalla Cambogia, e precisamente dal Tempio della Città, Angkor Wat in lingua khmer. Si tratta di un sito archeologico unico e dal valore inestimabile: è infatti un immenso complesso religioso che emerge dalla foresta a pochi chilometri di distanza dalla città di Siem Reap. L’esploratore francese Hanri Mouhot lo definisce “più grandioso di qualsiasi cosa ci abbiano lasciato i greci o i romani”. Le forme armoniche di questo tempio e la perfezione nelle proporzioni in effetti ricordano lo stile architettonico del classicismo. Per visitarlo tutto ci vogliono circa 5 giorni, programmate quindi una tappa del vostro viaggio in Cambogia per esplorare questa meraviglia che rappresenta una delle principali attrazioni turistiche del Paese, tanto da apparire anche sulla bandiera nazionale.

Come arrivare ad Angkor Wat
Si può raggiungere Angkor Wat grazie a dei collegamenti molto efficienti: da Bangkok ci sono infatti bus turistici che portano a Siem Reap in circa una giornata di viaggio ad un prezzo molto economico (circa 10 euro).

Macchu Picchu in Perù tra i 10 luoghi da visitare

10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita: Macchu Picchu, Perù
Macchu Picchu, Perù | Foto Shutterstock – StudioMB

Macchu Picchu non ha bisogno di presentazioni: è una delle sette meraviglie del mondo, la Città Perduta degli Inca simbolo dell’intero Perù, un luogo ricco di storia, di fascino e con un pizzico di mistero. Si tratta di uno dei complessi culturali più famosi al mondo, scoperto nel 1911 dallo storico statunitense Hiram Bingham, che lo portò alla luce quasi per caso.

Ad edificare Macchu Picchu fu l’imperatore Pachacùtec nel 1440: non è chiaro se si trattasse di una residenza estiva dell’imperatore o di un luogo religioso, quello che è certo è che è strettamente legato al culto del Sole e degli astri e che è stato abitato da sacerdoti con complesse conoscenze sui meccanismi celesti. La città fu popolata fino alla conquista spagnola, nel 1532, per poi essere abbandonata e nascosta dalla foresta Amazzonica.

Macchu Picchu, come arrivare
Arrivare a Macchu Picchu non è semplice. Si trova infatti all’interno della foresta Amazzonica, a nord-est della città di Cuzco e a circa 2.350 metri d’altitudine. Bisogna per prima cosa arrivare al paese di Aguas Calientes in treno o in elicottero e da qui partire per un lungo Macchu Picchu trekking che porterà al sito. Armatevi di buone scarpe, crema solare e occhiali da sole: sarà faticoso ma ne varrà la pena! Non dimenticate però un maglione pesante per la notte, quando la temperatura scende notevolmente.

Le nuove regole per accedere a Macchu Picchu
Se volete visitare Macchu Picchu dovete sapere che da gennaio 2019 le regole di accesso al sito sono cambiate proprio per salvaguardare la Città Perduta. I biglietti sono a tempo e vengono venduti in anticipo: ogni visitatore ha a sua disposizione un’ora per visitare Macchu Picchu e solo in una fascia oraria che va dalle 6 alle 14. Il numero di visitatori che ogni giorno può accedere al sito, infine, è limitato.

Luoghi da visitare: Petra in Giordania

Petra, Giordania
Petra, Giordania | Foto Shutterstock – tenkl

Passiamo ad un’altra delle sette meraviglie del mondo moderno: si tratta di Petra, la città rosa scolpita nella roccia in Giordania. Si tratta di un luogo magico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. La sua storia comincia nell’antichità, ma la sua “scoperta” è abbastanza recente e risale al 1812. Il sito potrebbe nascondere ulteriori sorprese: una leggenda narra infatti che sotto alla città che possiamo vedere e alle sabbie del deserto ce ne sia un’altra, ancora più antica e maestosa.

Arrivando dall’ingresso orientale la prima impressione che ha il visitatore è spettacolare: si accede alla città esclusivamente a piedi o a cavallo attraverso una lunga fessura nella roccia, chiamata Siq, che porta ad un ampio spiazzo dove sorge uno dei monumenti più belli di Petra, il Tesoro del Faraone, con la sua facciata incisa nella roccia. Decisamente uno dei 10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita.

Il sito archeologico contiene oltre 800 monumenti, di cui 500 sono tombe, ed è attraversata da una strada colonnata di epoca romana. Lo spettacolo è particolarmente suggestivo di notte, illuminato dalla luna: Petra infatti rimane aperta anche di sera in determinati giorni della settimana. Imperdibile quindi una visita a Petra by night, illuminata da migliaia di candele e con un suggestivo sottofondo di musica araba. Uno spettacolo che dimenticherete difficilmente!

Petra, come arrivare
Petra, sito archeologico della Giordania, si trova a 250 chilometri a Sud della capitale Amman. I voli per Petra collegano direttamente la Giordania con Milano e Roma.

Petra, quando andare
La stagione migliore per visitare Petra è la primavera, tra marzo e maggio, oppure l’autunno, nei mesi di ottobre e novembre. In dicembre le giornate possono essere calde ma le notti sono fredde, mentre in estate il clima è molto caldo e secco.

Lake Hillier in Australia, il lago rosa

10 luoghi da visitare: Lake Hillier, Australia
Lake Hillier, Australia | Foto Shutterstock – matteo_it

Il lago Hillier, Lake Hillier in inglese, si trova sull’isola di Middle Island, in Australia occidentale, e toglie il fiato ai milioni di visitatori che giungono da tutto il mondo per visitarlo a causa del suo colore rosa. Non è una colorazione dovuta ad un particolare gioco di luci o dal materiale del fondo, tanto che l’acqua mantiene questa tinta davvero particolare anche se raccolta in un recipiente. Le cause di questa colorazione rimangono avvolte nel mistero, anche se pare che la “colpa” sia di un’alga ricca di carotenoidi presente in grande quantità nelle sue acque.

Il misterioso lago rosa fa parte dell’arcipelago Recherche, formato da un centinaio di isolette, ed è di sicuro l’elemento più appariscente di un paesaggio comunque magnifico, fatto di spiaggette di sabbia e sale e foreste di eucalipto.

Una curiosità
Il lago Hillier non è l’unico lago rosa al mondo. Condividono questa particolarità il lago Torrevieja in Spagna, il Dusty Rose Lake in Canada, il lago Masazir in Azerbaigian e il lago Retba in Senegal. Anche le italianissime saline di Cervia assumono una colorazione rosa in determinate condizioni.

Neuschwanstein in Germania, il castello delle fiabe

Neuschwanstein, Germania: 10 luoghi da visitare
Neuschwanstein, Germania | Foto Shutterstock – Lanski

Siamo in Germania, nella Bassa Baviera, e non in un regno incantato del mondo Disney, anche se sembra uscito proprio da lì il castello di Neuschwanstein, conosciuto come uno dei castelli più belli del mondo e sicuramente uno dei 10 luoghi da visitare (almeno) una volta nella vita.

Non si tratta solo di uno dei simboli della Baviera nel mondo, ma è anche uno dei castelli più presenti nell’immaginario collettivo perchè Walt Disney si ispirò proprio a Neuschwanstein per il castello della Bella Addormentata nel bosco ed è presente in tutti i parchi tematici del mondo Disney (oltre che divenire il logo della storica casa di produzione statunitense).

Un po’ di storia
A volere la sua costruzione fu re Ludwig II di Baviera, che si ispirò alle antiche residenze feudali tedesche. I lavori iniziarono nel 1869 e non furono mai veramente terminati a causa della morte di re Ludwig II. Ciò non toglie nulla del fascino di questo castello, che vanta interni affrescati e arredati con quadri d’epoca e mobili in stile e delle tecnologie davvero all’avanguardia per l’epoca, come luce elettrica, riscaldamento, bagni con acqua corrente e addirittura due telefoni per chiamare i camerieri.
Il Ponte di Maria, sospeso sopra la gola del Pollat, è il posto migliore per osservare il castello di Neuschwanstein, uno dei 10 luoghi da visitare della nostra selezione.

Luoghi da visitare: scogliere Seven Sisters in Gran Bretagna

Scogliere Seven Sisters, Gran Bretagna
Scogliere Seven Sisters, Gran Bretagna | Foto Shutterstock – GlennV

Le scogliere Seven Sisters, le sette sorelle, sono delle scogliere bianche che si affacciano sul Canale della Manica in Gran Bretagna, nella contea dell’East Sussex e all’interno del Parco Nazionale di South Downs. Candide e fiabesche, queste sette sorelle corrispondono ad altrettante colline che disegnano un profilo ondulato famoso in tutto il mondo; in realtà ci sarebbe anche un’ottava sorella, a est, sulla quale sorge il faro di Belle Tout. Leggenda narra che queste sette sorelle siano realmente vissute e che abbiano abitato queste alture.

Qui è possibile passeggiare facendo spaziare lo sguardo sull’oceano, ma anche fare canottaggio, bird watching o belle pedalate lungo i numerosi itinerari che attraversano il parco.

Seven Sisters, come arrivare
Arrivare alla scogliera Seven Sisters non è complicato: si può arrivare in auto, in bus o in treno facendo riferimento alla città di Eastbourne, la più vicina. Il viaggio in treno da Londra dura circa 90 minuti.

La pagoda di Yasaka in Giappone

Yasaka, Giappone
Yasaka, Giappone | Foto Shutterstock – anek.soowannaphoom

Tra i 10 luoghi da visitare non può mancare il Giappone, con la sua mescolanza di antico e iper moderno, un contrasto che non manca mai di affascinare i visitatori. Ci concentriamo in particolar modo su una delle meraviglie che il Paese del Sol Levante ha da offrire: la pagoda di Yasaka, uno dei santuari simbolo di Kyoto. Questa costruzione, chiamata anche tempio di Hokan-Ji, è una pagoda di 5 piani alta ben 46 metri, con un tetto di tegole. Fu originariamente costruita nel VI secolo, ma quella che si può ammirare ora è una ricostruzione del 1440: la pagoda originale fu infatti distrutta da incendi e ricostruita più volte. È designata patrimonio culturale nazionale.

Gli interni della pagoda di Yasaka
Poter visitare l’interno della pagoda di Yasaka è complesso perchè viene aperta a periodi non regolari (informatevi quindi prima di organizzare il vostro viaggio). I fortunati potranno vedere la statue di Buddha che sono conservate all’interno, la pietre di fondamenta e il pilastro centrale originale che ha sostenuto la struttura per oltre 1.000 anni e potranno persino salire fino al primo piano per ammirare la vista su Higashiyama e Kyoto.

Come arrivare
Alla pagoda Yasaka, o tempio di Hokan-Ji, si arriva comodamente in bus; le fermate Higashiyama Yasui e Kiyomizumichi sono entrambe a pochi minuti di distanza.

Luoghi da visitare: il parco di Yellowstone negli Stati Uniti

Yellowstone, Stati Uniti
Yellowstone, Stati Uniti | Foto Shutterstock – Lane V. Erickson

Quello di Yellowstone non è solo il parco più famoso degli Stati Uniti, ma uno dei più noti al mondo. Non solo: istituito nel 1862 sotto la presidenza di Ulysses S. Grant, è la prima riserva naturale della storia.

È di sicuro uno dei 10 luoghi da visitare, ma dovrete preparare attentamente il vostro tour perchè le cose da fare e da vedere sono moltissime e le dimensioni non aiutano: il parco si estende su una superficie di oltre 8.000 chilometri all’interno di tre Stati: Wyoming, Montana e Idaho.

Yellowstone, cosa vedere
Su un territorio vasto come quello del parco di Yellowstone, è facile immaginare che le cose da vedere siano tantissime. Qui infatti, si trovano paesaggi mozzafiato, fenomeni naturali unici e un’infinità varietà di specie animali e vegetali. Vediamo una breve panoramica delle cose che proprio non potete perdervi:

  • I geyser e le sorgenti di acqua calda. Il fenomeno dei geyser, cioè le sorgenti di acqua bollente che periodicamente eruttano, non è così facile da osservare. Yellowstone è la zona più estesa al mondo in cui si verificano questi fenomeni, con oltre 10.000 geyser attivi, quindi ci sono maggiori possibilità che abbiate la vostra occasione di ammirarne uno. Tra i maggiori siti in cui potete vedere geyser e sorgenti termali ci sono Norris Geyser basin, Midway Geyser basin, Upper Geyser e Old Faithful (il geyser più famoso degli Stati Uniti), Castle Geyser, che erutta fischiando come un treno, West Thumb Geyser Basin, Mammoth Hot Springs, Artisys’ Paintpots, Grand Prismatic Spring e Dragon Mouth Spring.
  • Yellowstone Lake. Si tratta del lago d’alta quota più esteso degli Stati Uniti, con i suoi 32 chilometri di lunghezza e 22 di larghezza. È uno dei luoghi da visitare a Yellowstone grazie alle sue acque cristalline e ai paesaggi mozzafiato, ma anche per una vasta popolazione di Trota Spietata, tipica dell’Oceano Pacifico e che non si sa bene come sia arrivata lì.
  • Grand Canyon di Yellowstone. È una delle visioni più spettacolari dell’intero parco, nonché uno dei maggiori canyon degli Stati Uniti. Offre una vista stupenda su tre cascate: Upper Falls, Lower Falls e Crystal Fall. Per ammirare il canyon e le sue cascate da un punto di vista privilegiato potete salire in cima al Mount Washbum, di circa 3.000: una bella fatica, ma ne varrà la pena!

Yellowstone, quando andare
I periodi migliori per visitare il parco sono la primavera e l’autunno, quando il clima è mite e tutte le strade del parco, i negozi e le aree di campeggio sono aperte. Yellowstone in agosto, e in generale d’estate, è molto affollato ed è facile trovare code ovunque. Nonostante l’indubbio fascino del parco innevato, visitare Yellowstone in inverno può non essere semplice a causa delle strade chiuse e di negozi e ristoranti che abbassano le saracinesche.

Yellowstone, dove si trova e come arrivare
Il parco di Yellowstone si trova per la maggior parte nello stato del Wyoming ed è facilmente raggiungibile sia in auto che con i mezzi pubblici. L’aeroporto vicino Yellowstone è quello di Jackson Hole, a circa 120 chilometri, seguito da quelli di Idaho Falls e di Cody.

Luoghi da visitare: Borobudur in Indonesia

Borodubur, Indonesia: 10 luoghi da visitare
Borobudur, Indonesia | Foto Shutterstock – Muzairi Mustapa

Tra i 10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita vi consigliamo anche Borobudur, in Indonesia, un tempio buddista che risale all’800 d.C. e che è considerato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Si può dare un’idea della sua imponenza con alcuni numeri: ha un’altezza di 35 metri che si ergono su una base di 123 per 123 metri e si appoggia su 1.600.000 enormi blocchi di pietra. Le sue pareti sono decorate con oltre 2.650 bassorilievi, che complessivamente superano la lunghezza di 5 chilometri e coprono una superficie di circa 8 chilometri quadrati. Ci sono anche oltre 500 statue che raffigurano Buddha.

Insomma, numeri impressionanti che rendono Borodubur il monumento più visitato di tutta l’Indonesia. Non sono solo i turisti ad arrivarvi, ma anche devoti buddisti che compiono un percorso di meditazione lungo le dieci terrazze del tempio, che rappresentano le dieci fasi del cammino spirituale verso la perfezione.

Come arrivare a Borobudur
La base di partenza per arrivare a Borobudur è la città di Yogyakarta, dove c’è anche un aeroporto raggiunto anche da diversi voli low cost. Dalla città Borobudur dista circa 60 chilometri, che si possono percorrere in bus ad un prezzo molto economico.

L’ingresso a Borobudur costa circa 20 euro, mentre entrare a Borodubur all’alba costa circa 27 euro.

Godafoss in Islanda, la cascata degli dèi

Godafoss, 10 luoghi da visitare
Godafoss, Islanda | Foto Shutterstock – Vadym Lavra

Godafoss, chiamata anche “la cascata degli dèi”, è uno dei luoghi più suggestivi di tutta l’Islanda e sicuramente uno dei 10 luoghi da visitare almeno una volta nella vita. La sua spettacolarità non è data tanto dall’altezza, di soli 12 metri, ma dal suo fronte ad arco che raggiunge una lunghezza di circa 30 metri. Per questo motivo non dovreste accontentarvi di un solo punto di vista: spostatevi lungo il fronte della cascata per cogliere angolazioni sempre diverse!

La leggenda
Il nome “cascata degli dèi” non è casuale. Una leggenda narra che intorno all’anno 1000, quando il cristianesimo divenne la religione ufficiale in Islanda, Lagosumatur lanciò le statue degli dèi nella cascata.
Ancora oggi nel giorno del solstizio d’estate gli islandesi che ancora praticano l’antica religione pagana si radunano ai piedi della cascata e lanciano le statue degli dei verso l’alto, quasi per riparare a quel gesto profano.

Dove si trova Godafoss
La cascata Godafoss è situata sul fiume Skjálfandafljót che attraversa Bárðardalur e Kinn nel nord-est dell’Islanda. Si trova a circa 45 minuti di auto da Akureyri e, come molte delle cascata islandesi, è molto vicina alla strada principale.

Parole di Francesca Scarabelli

Giornalista per vocazione, da anni mi occupo di scrittura per il web, spaziando a 360 gradi tra settori e argomenti. Tra le mie più grandi passioni ci sono la scrittura, la lettura, la fotografia e la vita all'aria aperta.