Yves Saint Laurent Belle d’Opium: spot censurato in Gran Bretagna

da , il

    Yves Saint Laurent presenta il profumo Belle d’Opium con uno spot che ha fatto discutere e indignare moltissime persone, tanto che, in Gran Bretagna, il cortometraggio è già stato censurato. Perché? Nelle immagini si vede l’attrice francese Melanie Thierry che interpreta una coreografia molto sensuale e, quasi in trance, si muove come se fosse in estasi. Ad un certo punto, durante il ballo, l’attrice si tocca il braccio, quasi simulando il gesto di iniettarsi della droga: il legame con il nome del prodotto, che fa riferimento all’oppio, ha fatto il resto.

    E così l’ASA, l’autorità britannica per il controllo delle pubblicità, ha deciso di togliere lo spot dai palinsesti pubblicitari, anche perché moltissime persone si sono lamentate dopo la visione della pubblicità.

    Lo spot creato da Yves Saint Laurent per il profumo Belle d’Opium è stato così censurato in Gran Bretagna: la diffusione in televisione non ha fatto che peggiorare la situazione, raccogliendo così le lamentele di moltissimi telespettatori.

    Lo stato di trance simulato dall’attrice e legato all’utilizzo di sostanze stupefacenti ha dato scandalo e fatto infuriare i consumatori che vedono nello spot una vera istigazione al consumo di droga. Secondo l’ente che ha deciso la rimozione dello spot, il problema non è nel nome del profumo, legato comunque alla droga, ma all’immagine data dal cortometraggio diretto del coreografo Akram Khan, una vera istituzione della danza britannica.

    Ovviamente il coreografo e la maison Yves Saint Laurent hanno categoricamente negato che esista un legame tra l’utilizzo di droghe e le immagini dello spot, ritenuto comunque diseducativo da parte dell’ASA.

    Cosa ne pensate di questa decisione?