Violenza sulle donne, tutti i casi del 2013 [FOTO]

Violenza sulle donne, tutti i casi del 2013 [FOTO]
da in Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:

    La violenza sulle donne, femminicidi, ma non solo: una vera emergenza sociale che può “vantare” numeri raccapriccianti e nuovi casi, ogni giorno, sempre più sconcertanti. Nel 2012, in Italia, sono state uccise 124 donne; nei primi sei mesi del 2013, il triste bilancio sembra essere già in attivo, con oltre 65 femminicidi. Un trend al rialzo, insomma. Numeri in preoccupante aumento, cifre spaventose alle quali purtroppo vanno sommate anche quelle di tutte le donne che non sono morte, che non hanno perso la vita, ma molto altro, di tutte le donne vittime di violenze di ogni genere, di maltrattamenti e stupri.

    Dati allarmanti, soprattutto, alla luce del fatto che la violenza contro le donne è sempre più spesso consumata da mariti, compagni, amici e famigliari: si tratta, nella maggior parte dei casi, di violenza domestica. Violenza tra quelle mura in cui ci si dovrebbe sentire al sicuro, per mano di quegli uomini tra le braccia dei quali ci si dovrebbe sentire protette e amate. Per non spostare lo sguardo da un’altra parte, mai, facendo finta di non vedere questa terribile realtà, per accendere i riflettori su questa emergenza terrificante, il 25 novembre si celebra in tutto il mondo la “Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne”.

    Un laboratorio calzaturiero a Vigonovo, nella provincia veneziana, è stato teatro di una violenza domestica impensabile e drammatica: una donna trentacinquenne è stata arsa viva dal marito al termine di un litigio. Il 4 novembre 2013, Francesca Benetti, 55enne milanese d’origine ma toscana d’adozione, è scomparsa da casa, nella provincia di Grosseto; sospettato, con l’accusa di omicidio e di occultamento di cadavere, il custode della sua casa di campagna.

    Caterina Susca, l’11 novembre 2013, è stata trovata morta, nuda, incappucciata e strangolata, nella sua abitazione nella periferia barese: per il brutale omicidio è stato fermato un trentenne. Pensava, a torto, di aver commesso il delitto perfetto, forse, il 47enne che ha strangolato la compagna, la collaboratrice domestica russa Irina Meyntser, ritrovata in fondo a uno strapiombo a Porto Ercole. Un omicidio consumato tra le mura di casa, per mano del compagno, anche quello di Patricia Mendoza Cabellona, ecuadoriana di 42 anni uccisa con una coltellata alla gola a Santa Margherita Ligure.

    omicidio_ilaria_leone19/06/2013
    Il femminicidio e la violenza sulle donne in Italia non si fermano: dopo l’allarme per i numeri dello scorso anno, ci ritroviamo con decine di vittime di violenza dall’inizio dell’anno. Ricordiamo che in Italia ogni tre giorni una donna viene uccisa da chi la dovrebbe amare e proteggere, visto che i casi di omicidi nell’ambito della famiglia e degli affetti sono quelli più numerosi. Nonostante qualcosa per combattere il fenomeno si stia già facendo, potremmo dire di esserci riusciti e di avere sconfitto le violenze solo quando neanche una donna sarà uccisa per mano di un uomo.

    Le ultime notizie di cronaca non lasciano ben sperare.

    Ecco quindi il caso della ragazza pestata a sangue e ritrovata in un sacco dell’immondizia in fin di vita a Napoli. Tosca Xhuli, la ragazza di 27 anni che è attualmente ricoverata in ospedale, è tenuta in coma farmacologico e lotta tra la vita e la morte. I casi di cronaca raccontano poi di Ilaria Leone, 19 anni, scomparsa la sera del primo maggio dopo il lavoro: è stata ritrovata in un prato a Castagneto Carucci uccisa ed al momento sono interrogati due uomini per il suo assassinio. C’è poi Alessandra Iacullo aggredita ad Acilia, vicino Ostia, con un coltello: la polizia l’ha trovata ancora in vita ma nel tragitto verso l’ospedale è morta. Quello che spaventa e che fa rabbia è che spesso le donne vittime hanno già denunciato più volte i loro assassini e semplicemente non sono state credute dalla polizia: pensate che negli ultimi cinque anni sono state più di cinquemila le donne uccise in Italia e il 70 per cento di loro aveva già denunciato una o più volte il proprio assassino per stalking, maltrattamenti e abusi.

    fermare la violenza sulle donne
    35 donne uccise nei primi quattro mesi dell’anno è una media assolutamente da brivido. Ricordiamo che nel 2012 le donne uccise sono state 124 e le campagne anche shock di sensibilizzazione non sono servite a molte. In Italia ogni tre giorni (ma la media sta salendo in modo preoccupante) viene uccisa una donna, molto spesso da un uomo che la conosce bene, da un padre, un marito, un amante o un amico. I carnefici in quasi tutti i casi dichiarano di “amare” la loro vittima e di non rassegnarsi ad un abbandono. Le uccidono per averle per sempre con loro.

    888

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Violenza sulle donne Ultimo aggiornamento: Venerdì 15/11/2013 09:58
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI