Violenza sulle donne, la testimonianza: «Ho subito per 10 anni, ora sono libera»

Violenza sulle donne, la testimonianza: «Ho subito per 10 anni, ora sono libera»
da in Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:

    testimonianza

    Dieci anni di soprusi, violenza psicologica e fisica, anche davanti al loro bambino. È stata questa la terribile quotidianità di Maria (nome di fantasia, ndr), una donna come tante, che ha scambiato l’egoismo e la brutalità del suo compagno di vita per amore. Nessuno la sosteneva in questa battaglia, ma non era del tutto sola: la forza definitiva, la spinta che ha fatto la differenza, è stata la consapevolezza della violenza subita dal figlio. Siamo riusciti a raccogliere la testimonianza di Maria grazie all’aiuto fondamentale della Fondazione Pangea, che dal 2008 porta avanti dei progetti rivolti alle donne vittime di violenza e ai loro figli, per ricostruire passo dopo passo il rapporto di fiducia, minato da anni di conflitti domestici con la figura del maltrattante. Maria ce l’ha fatta: lei e il suo bambino oggi sono riusciti a riprendersi in mano la propria vita. Ecco la sua testimonianza diretta.

    Qualche piccolissima informazione su di te: età e nazionalità
    Ho 41 anni e sono italiana

    Che tipo di violenza hai subito e da parte di chi? Per quanto tempo hai subito questo tipo di violenza?
    Sono stata vittima di violenza psicologica, fisica ed economica da parte di mio marito. Mi sono accorta solo dopo la separazione di essere stata vittima di violenza psicologica da sempre, da quando eravamo fidanzati, ma non l’ho riconosciuta. All’inizio pensavo che fosse geloso e possessivo perché mi amava, poi tutto è diventato sempre più soffocante. Negli ultimi 2 anni ha iniziato a picchiarmi fino al punto di dover andare al pronto soccorso diverse volte.

    Senza entrare troppo in dettagli dolorosi (o se te la senti puoi anche farlo): cosa provavi in quei terribili momenti di terrore? Quali erano le domande che ti ponevi?
    Negli ultimi due anni quando la violenza è diventata fisica, ho temuto per la mia vita, ero terrorizzata, solo il sentire le chiavi che annunciavano il suo arrivo mi faceva tremare, ero rassegnata e pensavo che non potevo fare niente per uscirne, aspettavo che succedesse il peggio quasi come un sollievo. Mi dicevo “prima o poi ti ammazza”. Sono stata sposata per 10 anni con lui e abbiamo un figlio. La violenza psicologica che lui ha esercitato in me è stata devastante, quella fisica, sicuramente è stata la chiave di volta, è lì che ho deciso di fermare tutto, ma la violenza psicologica ti lascia dei segni nell’anima, quelli non vanno mai via.

    LEGGI I DATI DELLA VIOLENZA SULLE DONNE IN ITALIA

    Come riuscivi ad andare avanti ogni giorno? Nessuno intorno a te si accorgeva di nulla?
    Poco a poco la mia vita andava in pezzi, mi diceva che ero brutta, stupida, incapace ed io mi ero convinta che aveva ragione, pensavo che lui non fosse poi così male anzi, che per fortuna mi teneva con sé nonostante il disastro di donna che ero. La depressione mi accompagnava da anni, ero triste e non riuscivo a vedere realmente me stessa, vedevo solo quello che lui voleva che vedessi. Per gli amici, la famiglia, la gente che ci conosceva, per tutti quanti eravamo una famiglia felice, perché al di fuori di casa, lui non mi trattava con disprezzo come faceva sempre. Anzi, era disponibile e carino con me davanti agli altri. Nessuno si domandava perché ero cambiata. Ero sempre stata una persona solare ed estroversa, ma solo alcuni mesi dopo il matrimonio sono diventata cupa e triste. Penso che i miei a casa lo sapessero ma cercassero di minimizzare, se accennavo ai miei problemi con mio marito, mi si diceva che in tutte le relazioni di coppia ci sono problemi, di essere paziente che i nostri problemi li dovevo risolvere con lui, di essere carina e amarlo così com’era perché me lo ero sposato e avevo un figlio da crescere e poi che non mi mancava nulla: avevo una casa, vestiti, vacanze d’estate. Negli ultimi anni, quando vedevano i lividi nessuno mi domandava cosa fosse successo anche se leggevo negli occhi di mia madre la tristezza nel vedermi così.

    Perché non ti sei ribellata già al primo schiaffo? Hai avuto un passato burrascoso magari di violenze o altre cause “esterne” ti spingevano a restare?
    No, non ci sono state nella mia vita storie di violenza prima di quella a cui sono stata esposta. Mi sentivo succube e impotente, lui poteva fare tutto quanto voleva di me. La cosa che mi ha fatto scattare è stato mio figlio, nonostante i suoi 8 anni è stato determinante.

    Ero finita nel buco nero dove non ti riesci a vedere come una persona integra. Credevo che il nostro bimbo non si fosse accorto mai di nulla, perché ero attenta a non far vedere che suo padre mi maltrattava, ma un giorno al ritorno da scuola mi vide con gli occhiali da sole in casa, lo facevo le volte che avevo l’occhio nero, dicendo di avere un forte mal di testa, e lì mio figlio mi disse ‘Mamma non ti preoccupare so cosa ti succede, papà è cattivo quando ti fa del male ed io non so come aiutarti’.

    LEGGI L’INTERVISTA A TITTI CARRANO SUI CENTRI ANTIVIOLENZA E IL BLOCCO DEI FINANZIAMENTI

    Quale sentimento predominava in quel periodo in cui hai subito violenza? Quale pensiero ti faceva andare avanti?
    La paura è il sentimento che ti paralizza, ti rende incapace di reagire, pensi che sei tu la responsabile di tutto. L’unica cosa che volevo era che mio figlio fosse felice, non sapevo che quella situazione danneggiava anche lui, ero convinta che non si accorgesse di nulla.

    Quale violenza, secondo te, è più dolorosa da sopportare (anche se è quasi impossibile fare una classifica, forse la tua esperienza diretta te l’ha insegnato)?
    Ogni tipo di violenza è insopportabile e condannabile nessuno dovrebbe esercitarla su nessun essere umano. Se penso a quanto mi è successo, la cosa che più mi pesa accettare è quella di aver perso tanto in questi 10 anni di orrore, come donna perché mi sono stati negati momenti di felicità, di serenità, mi è stata tolta la dignità di donna, e come madre perché quando si è in quella situazione non puoi essere una madre completa, la tua paura te lo impedisce, trasmetti angoscia e tristezza anche se credi di nascondere bene il tuo dolore.

    Come riuscivi a gestire questa terribile situazione di fronte a tuo figlio? Cosa gli dicevi?
    Il mio unico figlio è cresciuto in una situazione di violenza, anche se non me ne accorgevo lui ne era vittima quanto me, cercavo con tutte le mie forze di non fargli vedere quanto stavo male. Ora so che era tutto inutile, lui, come tutti i bambini che vivono in situazioni simili, era consapevole di tutto anche se non vedeva direttamente. In alcuni momenti, se mi vedeva piangere, dicevo che ero stanca perciò ero nervosa.

    Cosa ti ha spinto a rivolgerti a un centro? Quale goccia ha fatto traboccare il vaso della tua sopportazione? Quali sono i dubbi e le paure più grandi che hai dovuto combattere?
    Sapere che mio figlio era consapevole della nostra vita di violenza mi ha fatto riflettere, mi sono sentita in dovere di salvarlo, chissà, l’istinto materno ha fatto la sua parte. La paura più grande dopo aver deciso di finire con la violenza è stata l’incomprensione, l’indifferenza degli altri, non avere nulla in mano per affrontare la nuova vita lontano da lui.

    Il tuo processo di guarigione è stato graduale? Quali step sono stati fondamentali per il superamento di questa situazione? Sei riuscita a perdonare?
    Il processo di uscita dalla violenza è lento e a volte difficile, la cosa importante è rivolgersi ad un centro antiviolenza che ti possa dare una mano concreta, lì non mi sono sentita giudicata, mi è stato permesso di parlare, di confrontarmi con persone disponibili che conoscevano bene i meccanismi della violenza, insieme abbiamo trovato il modo più indicato alla mia situazione per trovare la via d’uscita e soprattutto ho acquisito insieme a loro la consapevolezza di quanto mi era successo e riconquistando l’autostima fondamentale per ripartire.

    LEGGI L’INTERVISTA AD ANA MARIA GALARRETA SULLA VIOLENZA ASSISTITA CHE RIGUARDA I BAMBINI

    Quale aiuto concreto ti ha dato il centro e come sei venuta a conoscenza della sua esistenza?
    Nel centro antiviolenza sostenuto da Fondazione Pangea abbiamo trovato rifugio io e il mio bambino, ho elaborato un percorso per uscire dalla violenza, mi è stato offerto un servizio legale e psicologico gratuito e sono stata sostenuta nel mio percorso di autonomia. Ho saputo dell’esistenza del centro perché avevo sentito parlare di Pangea in un programma televisivo.

    In cosa la tua vita ora è diversa? Quali sono oggi le cose più importanti per te? Come vedi gli altri? Ti fidi delle persone? Credi ancora nell’amore?
    Decisamente si, mi sento bella e sicura di me. Sono una madre completa e sono nuovamente un punto di riferimento sicuro per mio figlio. Non ho perso la fiducia negli altri, ma se mi innamoro ancora pretendo rispetto e amore, due cose che non possono essere mai lontane in un rapporto di coppia.

    Quale messaggio vuoi lasciare alle donne che, come te un tempo, stanno attraversando situazioni difficili come quella che hai attraversato tu?
    Vorrei dire a tutte le donne che sono vittime di violenza di non perdere mai di vista se stesse, di non credere di essere così come i loro maltrattanti le dipingono, lo fanno solo per tenervi sottomesse e insicure, a loro disposizione. Siate fiere di essere donne, non permettete a nessuno di calpestare la vostra dignità di persone.

    1683

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Violenza sulle donne Ultimo aggiornamento: Venerdì 21/11/2014 14:12
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI