Violenza sessuale, dossier shock: ogni giorno 11 stupri, di cui 4 commessi da stranieri

Il dossier del Viminale e i fatti di cronaca come quelli di Rimini portano l’attenzione su un fenomeno preoccupante in aumento: la violenza sessuale. Secondo i dati, 11 stupri al giorno di cui 4 commessi da stranieri, ma la violenza rimane ancora poco denunciata e che di sicuro ha contorni ancora più allarmanti.

da , il

    Violenza sessuale, dossier shock: ogni giorno 11 stupri, di cui 4 commessi da stranieri

    I fatti di cronaca degli ultimi giorni hanno posto l’attenzione su un fenomeno allarmante: l’aumento delle violenze sessuali. Dal duplice stupro di Rimini, a quello dell’anziana violentata nel parco a Milano. E a confermare la triste e preoccupante tendenza c’è anche il dossier del Viminale: ogni giorno 11 stupri, di cui 4 commessi da stranieri.

    In aumento i casi di stupro, ma poche le denunce

    Secondo i dati forniti dal Viminale, tra gennaio e giugno del 2017 sono state commesse 2.333 violenze carnali, nello stesso periodo del 2016 furono 2.345. In pratica parliamo di quasi 11 stupri al giorno, quattromila ogni anno e più di un milione di donne colpite in Italia. Ciononostante i dati non rappresentano alla perfezione la drammaticità della situazione: in molti casi purtroppo c’è ancora troppa omertà, il fenomeno è ancora in gran parte sommerso. “A differenza di altri reati, come quelli contro il patrimonio — spiega Marzio Barbagli, sociologo, esperto di sicurezza e criminalità — le denunce per stupro non raccontano adeguatamente la realtà. Le violenze sessuali denunciate sono infatti solo una piccola parte di quelle davvero compiute. Molte violenze avvengono in famiglia per opera del partner o comunque di una persona conosciuta e questo è un fenomeno che resta in gran parte sommerso. Ancora meno sappiamo degli stupri di immigrati a danno di donne loro connazionali “.

    Infatti, secondo l’Istat un milione e 157mila donne avrebbero subito una violenza sessuale nel corso della vita, tra stupri e tentati stupri, ma nelle denunce degli ultimi anni, si registra una lieve flessione: 6% in meno tra il 2014 e il 2015 e 13% in meno dal novembre 2015 al novembre 2016.

    Nonostante in questi giorni siano balzati alla cronaca fatti raccapriccianti, come il duplice stupro di Rimini e la violenza sessuale ai danni di un’anziana a Milano, le denunce sono ancora poche. Questo giustificherebbe anche l’esiguo numero di arrestati: 2.438 nei primi sette mesi di quest’anno. Tra loro, 1.534 italiani e 904 stranieri.

    Violenza sessuale: in aumento gli stranieri denunciati

    Sono quindi all’ordine del giorno i casi di violenza sessuale. Secondo il dossier c’è un aumento degli stranieri che compiono l’odioso reato, anche se principalmente il triste primato rimane agli italiani: il 39% delle violenze sessuali è stato compiuto da stranieri contro il 61% da connazionali. Nel rapporto è anche indicata l’etnia degli stranieri e sarebbero romeni (8,6%), marocchini (6%), albanesi (1,9%) e tunisini (1,3%).

    Gli abusi in famiglia

    Un intero capito del dossier è dedicato agli abusi in famiglia. Le mura domestiche purtroppo rimangono ancora il luogo dove si consumano di più le violenze, spesso rimaste inascoltate. il 37,6% tra mogli e fidanzate ha riportato ferite o lesioni, il 21,8% soffre di dolori ricorrenti. Indicativo, secondo gli analisti, è lo stato di vessazione psicologica che riguarda ben 4 donne su 10.

    Lella Palladino dell’associazione “Donne in Rete contro la violenza”, a cui aderiscono 80 centri antiviolenza in tutta Italia, avverte: “Attenti al sommerso, cioè alle violenze tra le mura di casa, che arrivano raramente a livello di denuncia. Tra le donne che si rivolgono ai nostri centri, gli episodi di violenza domestica si rivelano infatti nell’80% dei casi anche episodi di violenza sessuale”.