Vaccini obbligatori in Italia: petizione e protesta dei cittadini

Con il decreto approvato dal Governo, entra in vigore l’obbligo dei 12 vaccini nelle scuole, pena la mancata iscrizione dei ragazzi. La nuova legge voluta dal ministro Beatrice Lorenzin, ha scatenato polemiche, proteste e molti hanno sottoscritto petizioni online. Tra questi, associazioni come il Codacons, normali cittadini e genitori no vax.

da , il

    Vaccini obbligatori in Italia: petizione e protesta dei cittadini

    Il decreto approvato dal Consiglio dei Ministri sui vaccini obbligatori a scuola, ha scatenato un’ondata di polemiche e proteste dei cittadini. Molte le associazioni dei consumatori che hanno proposto petizioni per abolire l’obbligatorietà della vaccinazione. Con il sì del Governo, tutti i bambini dall’asilo alla materna fino alle elementari, dovranno essere in regola con le profilassi, un provvedimento che riguarda 800mila ragazzi ancora scoperti. Molti i genitori che hanno bocciato il decreto, per i quali verrà applicata una sanzione pecuniaria in caso di mancato assolvimento.

    Con la nuova legge sono stati introdotti 12 vaccini obbligatori per i ragazzi fino a 16 anni per iscriversi e frequentare la scuola. L’obiettivo è arrivare al tasso di copertura del 95% che garantirebbe anche chi non può tutelarsi.

    Sono state fissate inoltre pesanti sanzioni per i genitori che non provvedono a vaccinare i propri figli almeno fino a 6 anni. Se da un lato c’è chi esulta, come il virologo Roberto Burioni, da sempre a favore della vaccinazione, sono molti come il Codacons a non accettare l’imposizione. Promettono infatti di agire per vie legali.

    Vaccini obbligatori, la petizione del Codacons

    Per il Codacons il decreto approvato dal Governo è “ palesemente incostituzionale”. Senza mezzi termini l’associazione a tutela del consumatore accusa l’estensione dei vaccini essere un “regalo alle case farmaceutiche”. Secondo il presidente Carlo Rienzi il passaggio da vaccini facoltativi a quelli obbligatori metterebbe a rischio la salute stessa dei bambini: “Costringerà a sottoporre i bambini ad una dose massiccia di vaccini, senza alcuna possibilità di una diagnostica prevaccinale, con conseguente incremento delle reazioni avverse che secondo l’Aifa solo nel 2013, per l’esavalente, sono state ben 1.343, di cui 141 gravi”. Oltre ai rischi per la salute, Rienzi accusa la manovra perchè porterà, oltre al collasso delle Asl, una spesa esorbitante per il Sistema Sanitario Nazionale.

    Il Codacons chiede quindi di firmare la petizione per poter procedere con la richiesta di annullamento presso la Consulta.

    Proteste sui vaccini dei singoli cittadini: petizioni online

    Anche i singoli cittadini si stanno muovendo in tal senso, chiedendo l’abolizione del decreto approvato sui vaccini.

    Su molti siti online è possibile creare delle petizioni e proporle. In uno di questi siti, un semplice cittadino ha avanzato una proposta contro l’obbligatorietà dei vaccini che ha già raccolto quasi 5mila firme. Nel testo si fa riferimento a due articoli della Costituzione: l’articolo 32, secondo il quale la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’ individuo e interesse della collettività e l’art. 13 contro la restrizione della libertà personale. A partire da questi, il cittadino chiede che il decreto venga annullato. Accusa in particolare che i vaccini abbiano molte sostanze tossiche dannose per il nostro sistema immunitario e questa coercizione provocherebbe solo un danno al nostro corpo. “La vaccinazione non è un allenamento all’immunità- si legge-, ma destabilizza la base stessa del sistema nervoso centrale, quello immunitario e quello gastrointestinale, che rispondono in maniera allergica ed illogica agli stimoli innaturali ai quali sono sottoposti con queste prassi innaturali”.

    Il firmatario della proposta si spinge oltre, fino a dire che molte delle malattie siano volute e patrocinate dall’OMS a livello mondiale per indurre il panico di massa e estendere le profilassi.

    Genitori no vax

    Bocciatura sui vaccini obbligatori anche dal Movimento italiano genitori (Moige) che attraverso le parole del direttore generale Antonio Affinita, fa sapere che “il decreto è in decisa controtendenza con i protocolli europei che, sul tema della prevenzione vaccinale, indicano nell’informazione, raccomandazione, garanzie e coinvolgimento di tutti gli attori, i punti centrali di una politica efficace e concreta. Inoltre è incostituzionale un decreto che, per rispondere ad un picco epidemiologico sul morbillo, inserisce l’obbligo per altri vaccini che non hanno un quadro epidemiologico di necessità ed urgenza, proprio del decreto”.

    LEGGI: IL MOVIMENTO ANTI-VACCINI IN ROMANIA CHE HA FATTO CROLLARE LE PROFILASSI

    A Milano sabato si è svolta una piccola manifestazione di mamme no vax a sostegno del dottore Dario Miedico sottoposto a procedimento disciplinare dall’Ordine dei Medici per il suo rifiuto a compiere vaccinazioni obbligatorie. Tra i vari striscioni dei genitori, uno particolarmente forte che paragonava il decreto sull’obbligo dei vaccini alle leggi naziste.

    Sono in aumento i genitori che si stanno battendo contro la legge sull’obbligo vaccinale, arrivando fino a minacciare di ritirare i propri figli dalle scuole. Per molti di loro i vaccini sono nocivi e vedono che in altri Paesi, dove non esiste l’obbligo, le coperture sono molto più alte.

    Dolcetto o scherzetto?