Vacanze in montagna con i bambini: consigli utili

da , il

    Dopo avervi dato qualche utile e semplice consiglio per affrontare le vacanze al mare con i bambini, di seguito troverete qualche suggerimento per affrontare al meglio una villeggiatura in montagna.

    Il bambino sano può soggiornare a qualsiasi altitudine, ma al disopra dei 2500 metri è necessario un periodo di acclimatamento (di cui ho già scritto).

    I neonati non vanno mai portati al di sopra dei 700-800 metri; in ogni caso consultate sempre il pediatra prima di intraprendere un viaggio se avete dei bambini piccoli.

    Ricordatevi che in montagna ci si scotta più facilmente, quindi servirà una crema solare con fattore di protezione molto elevato, cappellino e occhiali da sole.

    Non sostate su pietraie, e non avventuratevi nell’erba alta: potrebbero esserci le vipere.

    Non fate bere ai bambini (e non bevete neppure voi) l’acqua di ruscelli, anche se sembra perfettamente limpida e pulita: può contenere scorie derivanti dagli alpeggi situati a quote più elevate.

    Attenzione a bacche, funghi e piante: potrebbero essere velenosi.

    Non fate bere ai bambini il latte appena munto; Heidi e Peter erano protagonisti di un cartone animato: evitate che i vostri figli li imitino! Il latte appena munto e i latticini artigianali non sono pastorizzati e non hanno sufficienti garanzie igieniche.

    Fate molta attenzione se sostate nelle vicinanze di torrenti: il bambino potrebbe caderci dentro.

  • Se fate delle escursioni:

    il bambino dovrà indossare scarponcini alti, comodo e ben allacciati.

    L’abbigliamento ideale deve essere “a cipolla”. Non dimenticate mai di mettere nello zaino anche qualcosa di pesante: giacca a vento, cappellino e un maglione.

    Foto:

    pro.corbis.com