Vacanze con i bambini nelle fattorie

da , il

    C’è una vecchia e famosa canzone che fa “Nella vecchia fattoria ia-ia-o, quante bestie ha zio Tobia ia-ia-o”.

    Quante volte l’avete cantata ai vostri bambini? Molte persone scelgono gli agriturismi e le aziende agricole per trascorrere le vacanze. Ultimamente, in molte di queste strutture, si pratica l’animal welfare.

    Cosa sarà mai l’animal welfare? In certe strutture (agriturismi e aziende agricole) si ha la possibilità di vivere a stretto contatto con la natura: occuparsi del frutteto, preparare marmellate, miele, ma soprattutto prendersi cura degli animali da fattoria, mucche, capre, asini, galline, conigli, oche…..

    Molte aziende agricole sono diventate Fattorie Didattiche e alcune propongono anche la pet therapy per i portatori di handicap e per i bambini con disturbi comportamentali.

    Nelle fattorie didattiche gli animali non vivono all’interno delle gabbie. L’animal welfare si basa proprio sul principio della libertà dell’animale, che non ha bisogno solo di cibo e acqua, ma necessita anche di movimento e contatto con altri animali.

    Naturalmente possono disporre di un ricovero per la notte e per proteggersi dalle intemperie e dai predatori, ma non ci sono gabbie.

    In queste strutture, i bambini, ma anche i genitori, potranno vivere a contatto con la natura e capire in cosa si basa la vita rurale, imparando a mungere le mucche, a raccogliere le uova e a preparare cibi naturali.

    Se volete provare questo tipo di esperienza, sicuramente interessante ed educativa, potete visitare questi siti: www.agriturist.it oppure www.turismoverde.it

    Foto: pro.corbis.com