Treviso, 51enne denunciato per violenza sessuale: “L’ho sposata, posso far sesso con lei anche se non vuole”

Le parole dell'uomo avrebbero indotto la compagna a denunciarlo, dopo una serie di condotte violente che avrebbero trovato conferma anche nel racconto di alcuni testimoni. Secondo le dichiarazioni della donna, in almeno tre occasioni l'avrebbe costretta ad avere rapporti sessuali.

da , il

    Treviso, 51enne denunciato per violenza sessuale: “L’ho sposata, posso far sesso con lei anche se non vuole”

    A Treviso un 51enne è stato denunciato per violenza sessuale ai danni della compagna. A esasperare la donna, secondo cui l’uomo l’avrebbe costretta ad avere rapporti sessuali, le parole che questi avrebbe ripetutamente pronunciato: “Sono tuo marito e sono legittimato a fare sesso con te sempre, anche quando non vuoi”. La donna ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine.

    Il marito si sente autorizzato ad avere rapporti, anche non consenzienti

    Una vicenda che suona come anacronistica e allarmante: il 51enne indagato per violenza sessuale sulla compagna si sarebbe sentito ‘autorizzato’ a condotte violente, nello specifico a consumare con la donna rapporti non consenzienti, in virtù della sua veste di marito.

    Una giustificazione che, ovviamente, non poteva non destare le attenzioni degli inquirenti. In almeno tre occasioni avrebbe costretto la moglie ad atti sessuali, nonostante il dissenso di lei. Davanti alle lacrime della moglie, avrebbe candidamente replicato di essere il marito e, in quanto tale, libero di disporre del corpo della donna.

    Violenze tra le mura domestiche

    Le autorità inquirenti avrebbero in mano anche la testimonianza di due persone, a suffragio della denuncia presentata dalla donna. Secondo le ricostruzioni, la condotta del 51enne sarebbe sfociata in veri e propri agguati di natura sessuale.

    I fatti contestati si sarebbero sviluppati in un ristretto arco temporale, tra il 23 e il 24 novembre scorsi. Quasi 48 ore di aggressioni consumate tra le mura domestiche e poi denunciate.