Tradimento: come affrontarlo?

da , il

    Nell’ultimo sondaggio vi avevamo chiesto di parlarci di tradimento, e di raccontarci le vostre esperienze a riguardo. E alla domanda Avete mai tradito o siete stati traditi? Avete risposto così.

    Dobbiamo ammettere che questo argomento vi ha davvero scatenati e che i commenti arrivati hanno rivelato opinioni abbastanza varie!

    In ogni caso, dai risultati emerge che la maggioranza di voi non ha mai tradito (il 33%) ma una buona fetta ha invece colto la mela della tentazione (il 21%), di cui al 20% è stato ricambiato il “favore” con la stessa moneta.

    Solo l’11% è stata vittima di corna non ricambiate, mentre l’11% preferisce non saperlo… occhio non vede cuore non duole!

    Tra i commenti leggiamo di chi condanna a priori ogni forma di tradimento perché va a minare la fiducia all’interno della coppia e chi invece tutto sommato non ci vede nulla di male e chiude un occhio se si tratta di una storia di sesso, purchè il partner ne sia all’oscuro.

    C’è chi ha tradito e ha confessato, pagando il suo grave errore a caro prezzo e chi invece si porta dentro questo segreto perché ormai archiviato oppure perché avere il piede in due scarpe dona quel brivido in più e ci fa sentire desiderati.

    Secondo il quotidiano Times esiste addirittura un decalogo per gestire un tradimento con tanto di regole da rispettare:

  • Non generalizzare mai difendendovi davanti al partner con un “lo fanno tutti” perché sarebbe un autogol (oltre a non essere vero).

  • Tacere se si è trattato di un colpo si testa, di un episodio sporadico ormai archiviato. Sbagliare è umano ed è meglio non rovinare un rapporto per un attimo di debolezza.

  • Tacere anche con gli amici, potrebbero sentirsi in difficoltà

  • Chiedersi il perchè del tradimento, insoddisfazione? Euforia di una sera? E riflettete sulla risposta.

  • Se a spingervi al tradimento è stato un grande amore, che vi ha portato a confessare il tutto e a chiudere la relazione ufficiale definitivamente, per il Times è l’unico caso in cui meritate l’indulgenza.

    Foto:

    lakengadibiswakarma

    cartomantecarola

    lastampa

    libero