Natale 2016

Tenta di uccidere la moglie a martellate, arrestato marito stalker

Tenta di uccidere la moglie a martellate, arrestato marito stalker
da in Attualità, Cronaca, Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:
    Tenta di uccidere la moglie a martellate, arrestato marito stalker

    Proprio oggi gli avrebbero dovuto notificare il divieto di avvicinamento a sua moglie, dalla quale si stava separando, ma durante un diverbio ha preso un martello e l’ha colpita più volte. E’ successo in tarda serata a Scauri, provincia di Latina, dove un uomo di 62 anni, recatosi nella casa coniugale a prendere delle cose, ha avuto un diverbio con la moglie e ha tentato di ucciderla. La donna di 49 anni, è attualmente ricoverata in gravi condizioni all’ospedale “Dono Svizzero” di Formia. Il marito stalker, al quale era stato notificata una misura cautelare che gli vietava di avvicinarsi alla donna a meno di 300 metri, si chiama Luigi Pugliese ed è stato arrestato dai carabinieri per tentato omicidio.

    Le cose tra i due coniugi non andavano bene da tempo e vivevano momentaneamente separati. La donna aveva già sporto denuncia contro l’uomo per minacce ed aggressioni ed aveva ottenuto il divieto di avvicinamento. Una vittima preannuciata in quanto la 49enne dopo la denuncia, aveva chiesto aiuto più volte ed aveva anche cambiato la serratura della porta. Tutte le volte però l’uomo non desisteva, tornava sempre alla carica a molestare la donna.

    LEGGI QUALI SONO LE 10 VIOLENZE PSICOLOGICHE IN UN RAPPORTO

    Pugliese si è recato ieri sera nell’abitazione coniugale intorno alle 18.30 per riprendere alcuni indumenti ed effetti personali che aveva lasciato. Una lite improvvisa però ha fatto scaturire la tragedia: l’uomo ha preso un martello e si è scagliato contro la donna, colpendola alla testa e in varie parti del corpo.

    Fortunatamente la vittima, cosciente, è riuscita ad avvertire le forze dell’ordine, che sono intervenute tempestivamente ed hanno allertato i soccorsi. Pugliese a quel punto si è presentato alla stazione dell’Arma di Scauri. Anche lui come nel caso dell’omicidio di ieri di Caserta, si è costituito ai carabinieri con l’arma ancora sporca di sangue tra le mani.
    L’ennesima violenza contro le donne, ma che questa volta per fortuna, non ha avuto un tragico epilogo. Auguriamo alla donna di guarire presto e che la giustizia questa volta faccia sì che possa non correre più rischi di molestie da parte dell’ex marito.

    426

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàCronacaViolenza sulle donne

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI