Tendenze abbigliamento primavera estate: il trench

da , il

    Tra i capi d’abbigliamento che non possono mancare nel guardaroba primaverile, sicuramente c’è il trench, oggi glamour più che mai!

    Questa giacca rubata al look maschile è divenuta celebre per via di molti film indimenticabili, in cui i protagonisti indossavano il trench, capo dalle indiscusse origini britanniche.

    Il suo nome si lega inevitabilmente a Burberry, il cui fondatore Thomas Burberry, intorno al 1879 ideò un tessuto impermeabile chiamato ‘gabardine’, e vi diede il taglio dei vecchi cappotti degli ufficiali inglesi.

    Ma vediamo come nasce il trench e come va indossato nella prossima stagione!

    Il trench originale era composto da 26 pezzi in gabardine, tra cui il doppiopetto, le spalline, il sottogola, mantella corta sulle spalle, falda triangolare sul davanti, maniche stringibili intorno ai polsi grazie a cinturini e fibbie, cintura e lungo spacco posteriore chiudibile con un bottone.

    Insomma un capo complicatissimo, studiato per non far entrare la pioggia da nessuna fessura, ma soprattutto nato per il guardaroba maschile, ma divenuto ben presto addirittura simbolo di eleganza femminile.

    La parola trench significa ‘trincea’, ed infatti ad utilizzarlo all’origine erano soprattutto i soldati sul fronte, fino a diffondersi anche fra i civili…e che civili!

    Negli anni Venti compare nell’armadio delle prime donne fatali, fino ai giorni nostri, che ritorna ad essere un capo glamour, indossato dalle celebrità amanti del fashion.

    Quanto allo stile più in voga, Burberry Prorsum lo propone arricciato su spalline o orli, tinto di argento e color cipria, in tessuto tecnico oppure giallo.

    MaxMara invece lo preferisce lunghissimo e ampio, oversize, oppure dal taglio militare, con spalline squadrate.

    Relish lo propone classico, Lafuma in giallo, mentre Refrigiwear sceglie il doppiopetto blu, bianco e sabbia.

    Foto:

    www.msn.it

    www.sfilate.it