Tatuaggi femminili, i più belli [FOTO]

Tatuaggi femminili, i più belli [FOTO]
da in Bellezza, Pelle, Tatuaggi, Tendenze

    Parliamo di un argomento quanto mai accattivante: i tatuaggi femminili. Sempre più in voga, li vediamo sbocciare, proprio come artistiche decorazioni, sulla pelle di donne comuni così come di celebrità del cinema e della musica, ma anche dello sport. Di recente, ad esempio, vi abbiamo segnalato i simpatici tattoos sfoggiati da numerose atlete durante le appena concluse Olimpiadi di Londra 2012, molti dei quali a soggetto prettamente sportivo se non proprio olimpico. Per non parlare dei celeberrimi (ormai) e copiatissimi tatuaggi di showgirl tanto ammirate quanto criticate come Belen Rodriguez. La sua ‘farfallina’ inguinale intravista durante il Festival di Sanremo grazie ad uno spacco malandrino ha decisamente spopolato.

    Ci sono superstar del cinema, una tra tutte Angelina Jolie, che proprio del tatuaggio hanno fatto una sorta di ‘marchio di fabbrica’, e la tendenza ci suggerisce che questa moda è lungi dall’esaurire la sua spinta propulsiva.

    Tatuaggi femminili fianco

    Un disegno sulla pelle, una scritta, un simbolo, sono altrettanti modi che possediamo per identificarci, per esprimere la nostra personalità, per dire qualcosa al mondo, o forse solo per ricordarlo a noi stesse. In ogni modo, proprio perché tatuarsi è un atto intimo anche se il risultato è appariscente, che dura per la vita, la cosa più saggia sarebbe quella di non farci trascinare dalle mode del momento, scegliendo soggetti che non ci rappresentano in alcun modo ma che semplicemente abbiamo trovato ‘carini’ addosso a qualcun’altra. Questo è il sistema migliore per pentirsi amaramente e ritrovarsi poi, a distanza di qualche anno, nello studio di un medico estetico a tentare di rimuovere quel tattoo che ormai ‘ci sta stretto’.

    I tatuaggi più belli, sono proprio quelli che scegliamo perché hanno un significato per noi. Il soggetto può essere di qualunque tipo, di ogni colore e dimensione, da imprimere nella parte del corpo che vogliamo rendere ‘speciale’: una caviglia, la schiena e il fondoschiena, il polpaccio, un fianco o la nostra nuca. Un fiore, così come un iridescente dragone cinese o un paio di ali d’angelo che si aprono sulle nostre scapole saranno tanto più belli in quanto rispecchieranno la nostra esperienza di vita, la nostra interiorità, la nostra visione del mondo, il nostro unico e inimitabile modo di dire: “eccomi, sono io”.

    Questo discorso vale soprattutto per le giovanissime, che spesso e volentieri effettuano scelte estetiche avventate sulla base dell’imitazione, giusto per omologarsi al gruppo di appartenenza, o per seguire il trend dettato dalla propria star di riferimento. Ma se un colore azzardato di capelli può essere modificato con facilità, se un piercing si può togliere, lo stesso discorso non si può fare per un tatuaggio permanente. Ricordiamoci, infatti, che la dermoabrasione di un tattoo, che si effettua con il laser, è piuttosto costosa, e soprattutto non sempre ci consente di cancellare totalmente il nostro disegno, specialmente se realizzato con pigmenti colorati. Pensiamoci molto bene, perciò, prima di andare dal tatuatore.

    Ecco giusto alcune cose da sapere quando ci si appresta ad imprimere un tatuaggio sulla propria pelle.

    Scene da un tatuaggio

    Il tatuaggio è, in buona sostanza, un piccolo intervento chirurgico a cui ci si dovrebbe sottoporre dopo averci pensato bene, e soprattutto dopo essersi informate sulla professionalità del tatuatore a cui ci si vorrebbe rivolgere. Non basta che sia bravo, magari un vero artista del tattoo, l’essenziale è che segua scrupolosamente le norme igieniche indispensabili per garantirci di non andare incontro a spiacevoli conseguenze. Assicuriamoci che gli aghi impiegati siano monouso (per esserne sicure pretendiamo che la confezione venga aperta davanti ai nostri occhi), e che il nostro professionista indossi guanti sterili durante tutta l’operazione.

    Ci dovrà anche spiegare a puntino come curare il tatuaggio durante i primi giorni dopo l’operazione, quale crema usare per mantenere la pelle idratata, e quando sia possibile esporsi al sole senza pericolo. Ricordiamoci che carenze igieniche possono costarci care, causandoci allergie, dermatiti, fotosensibilizzazione, formazione di granulomi e di cicatrici antiestetiche e difficilmente eliminabili. Senza contare il rischio di infezioni per uso di aghi non sterilizzati come l’epatite e l’HIV. Detto questo, sfogliate la nostra fotogallery e prendete qualche spunto, sicuramente troverete bellissimi tatuaggi che potrebbero anche fare al caso vostro!

    866

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BellezzaPelleTatuaggiTendenze