Superluna rossa e blu, sarà il 31 gennaio: non accadeva da 150 anni

L'evento astronomico si preannuncia spettacolare e degno di nota: Superluna, Luna blu e Luna rossa saranno i tre fenomeni celesti in sincrono che lasceranno gli osservatori senza fiato. Ecco i dettagli, e dove saranno visibili.

da , il

    Il 31 gennaio 2018 Superluna rossa e blu: non accadeva da 150 anni, e il fenomeno celeste si preannuncia tra i più spettacolari. Un evento particolarmente suggestivo, votato ad entrare di prepotenza tra gli appuntamenti astronomici più interessanti di sempre. Nei Paesi anglosassoni il satellite sarà “blu” ma anche rosso: in quella data cade anche l’eclissi totale di Luna, visibile solo in Asia, Australia e Nord America.

    Superluna: ecco il significato

    Il fenomeno della Superluna si verifica quando il satellite naturale della Terra si trova al perigeo, il punto orbitale alla minima distanza dal pianeta (358.994 chilometri).

    Situazione astronomica creatasi lo scorso primo gennaio, con la Luna che torna a una maggiore prossimità il prossimo 31 gennaio, toccando la distanza di 360.199 chilometri. Leggermente più lontana, ma non così tanto da inficiare la percezione di una luminosità superiore del 14% e una billantezza maggiore del 30%. Il plenilunio sarà propizio per questo spettacolo dell’universo.

    L’appuntamento del 31 gennaio è il terzo (e conclusivo) di un ciclo di Superlune consecutive, iniziato il 3 dicembre 2017 con la ‘Luna fredda’, ultima Superluna del 2017.

    Luna blu e rossa

    La Superluna del 31 gennaio sarà anche ‘blu’, dalla definizione anglosassone ‘blue moon’ che indica il verificarsi di due lune piene in un solo mese. Il termine deriva dal detto ‘once in a blue moon’, ‘una volta ogni luna blu’, a indicare la rarità dell’evento (come dire ‘una volta ogni morte di Papa’).

    In alcune aree del mondo, Europa esclusa, alla Superluna blu si somma l’eclissi totale di Luna. Questa sarà visibile in Australia, Asia e nella costa occidentale degli USA.

    Sarà la rifrazione con l’atmosfera terrestre a dare al satellite una colorazione rossastra, ‘blood moon’, appunto, o Luna di sangue. Il fenomeno astronomico alle 14.20, ora italiana.

    Dopo il 2018, un nuovo passaggio di ‘Luna blu’ attraverso l’ombra proiettata dalla Terra avverrà il 31 dicembre 2028 e, successivamente, il 31 gennaio 2037.