Sostitutivi del pasto, sono davvero utili?

da , il

    Oggi parliamo dei sostitutivi del pasto, barrette, beveroni, drink da assumere al posto dei cibi normali… io non ho dubbi, preferisco fare 4 mesi in più di dieta e mangiare cose normali, vi immaginate esaurire il pranzo con una barretta quando a parità di regime alimentare potreste mangiare un piatto di pasta, un’insalata e un frutto?

    Secondo me la dieta per funzionare oltre a far perdere peso non deve essere stressante, si deve avere la sensazione di mangiare bene, in modo gustoso e soprattutto senza alzarsi da tavola insoddisfatti, altrimenti dopo un’ora psicologicamente si ha fame di nuovo.

    E’ vero che i sostitutivi del pasto sono bilanciati e in teoria ci danno tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno, ma io mi chiedo sempre quali possano essere a lungo termine gli effetti sulla salute. Appena si finisce la dieta e si torna gradualmente a mangiare normalmente che succede?

    Una ricerca condotta dall’università del Kentucky ha fatto un’esperimento, seguendo due gruppi di persone, uno alimentato solo con i sostitutivi del pasto, l’altro anche con frutta e verdure, questo secondo gruppo ha perso più peso e ha sofferto di meno. Fermo restando che nella vita normale è difficile alimentarsi solo di barrette e drink, si può fare per 1 settimana, un mese ma poi si finisce per sognarsi di notte pasta e cotolette!

    Andrea Ghiselli, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) in merito a queste ricerche ha dichiarato: “Siamo tutti pigri, l’idea di ricorrere al pasto “in bustina” piace ed è comoda, ma si può finire per mangiare sempre meno credendo con questo di aver risolto il problema: in effetti l’ago della bilancia scende, perché qualsiasi regime alimentare che dia un taglio alle calorie fa dimagrire. Ma se la dieta non è bilanciata e soprattutto non si fa attività fisica è tutto inutile: appena abbandoniamo barrette o pasti ipocalorici e torniamo a mangiare normalmente, i chili tornano“.

    Per dimagrire davvero si deve imparare di nuovo a mangiare, cambiare abitudini radicalmente. Certo non è facile, ma con il tempo e gli stimoli giusti, ci si può riuscire.

    Foto da:

    allaboutmealreplacementdiets.com

    www.loebglebeonline.com

    www.stockphotopro.com

    i.dailymail.co.uk