Natale 2016

Soffri di solitudine? Fatti un bel bagno caldo…

Soffri di solitudine? Fatti un bel bagno caldo…
da in Benessere, Chiacchiere fra amiche, Mente, Salute E Benessere, psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Solitudine bagno caldo

    Se il vostro problema è la solitudine, allora annegatela in un bel bagno caldo… No, non mandatemi a quel paese (non subito almeno!), perché ambasciator non porta pena. In realtà si tratta di un consiglio autorevole, che proviene dai risultati di uno studio americano, serio, almeno così parrebbe, sui rimedi alla solitudine, un dei mali della nostra società. L’ennesima scoperta dell’acqua calda (che in questo caso mi sembra la definizione più azzeccata)… ? Vediamo di approfondire meglio il discorso.

    Intanto, lo studio è stato condotto dai ricercatori della Yale University coinvolgendo 400 volontari di età comprese tra i 18 e i 65 anni (quindi un campione piuttosto ampio e diversificato), e aveva come obiettivo quello di individuare tutte le varie attività “balneari” domestiche (quindi collegate all’acqua) e le emozioni da esse suscitate o cercate. Che cosa è emerso? Che l’acqua calda, in generale, ha un effetto sulla nostra psiche che è analogo al senso di calore che ci proviene dalla vicinanza di un amico/a.

    Quindi, un bagno caldo agisce come balsamo alla solitudine in qualità di surrogato amicale, aiutando tutti noi a combattere il senso di isolamento. Sempre secondo lo studio americano, allo stesso modo funzionerebbero le bevande calde. E sapete quale è il meccanismo che scatta quando istintivamente cerchiamo consolazione attraverso un buon tè o bagno rilassante? Semplicemente un ricordo dell’infanzia.


    Cerchiamo di ricreare quelle sensazioni di benessere e di rassicurazione che ci riportano indietro ai beati anni infantili. Perché il calore dell’acqua è proprio associato alle prime percezioni di piacere e di appagamento della nostra vita. “Le esperienze di calore fisico – hanno spiegato i ricercatori – riducono in modo significativo il disagio dell’esclusione sociale”.

    Pensate che i risultati di questo studio, pubblicati sulla rivista Emotion, serviranno per mettere a punto terapie mirate al superamento di patologie come la depressione e i disturbi emotivi. Non si tratta, in realtà, di una novità assoluta, anche se trattata con criteri scientifici. Ricordate i due libri del best seller “Brodo caldo per l’anima” di Canfield Jack e Hansen Mark?

    Si tratta di due volumi che, attraverso piccole storie, rivolte ai bambini e agli adulti, proponevano suggerimenti pratici per affrontare le piccole e grandi delusioni della vita. Un modo per coccolarci quando siamo tristi, quando tutto sembra andare storto e, appunto, ci sentiamo soli e smarriti. In quest’ottica, certo che anche un semplice bagno caldo può servire… all’anima e al cuore!

    510

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereChiacchiere fra amicheMenteSalute E Benesserepsicologia

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI