Shopping? E’ tutta salute!

da , il

    Shopping salute

    Care amiche fanatiche dello shopping, smettete subito di sentirvi in colpa! La notizia è di quelle ghiotte, da sventolare sotto il naso di partner o genitori in costante ansia da (nostri) acquisti compulsivi: fare spese fa bene alla salute e allunga la vita. Non è una boutade, ma il risultato di un serissimo studio americano, durato ben 10 anni, i cui interessanti risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Epidemiology and Community Health. I ricercatori del Taiwan’s National Health Research Institute, hanno monitorato in un arco di tempo compreso tra il 1998 e il 2008, 1865 persone over 65 in buona salute, annotandone le abitudini e lo stile di vita.

    Nel valutare la frequenza con cui gli individui campionati erano soliti fare shopping, gli studiosi hanno così scoperto che il 17% faceva spese almeno una volta al giorno, il 22% tra le tre e le quattro volte settimanali, il 13% solo una volta in 7 giorni e ben il 48% ancora meno spesso. E male, verrebbe da commentare!

    Visto che, a quanto pare, chi visitava negozi, supermercati o centri commerciali quotidianamente, vedeva abbassarsi il rischio di morte a breve termine del 27% (per la precisione, del 23% per le donne e del 28% per gli uomini). Non è affatto una percentuale trascurabile! Volete sapere qual è il motivo d questo allungamento della vita da shopping? Così rispondono gli esperti:

    “Lo shopping coinvolge diverse dimensioni del benessere personale, sia dal punto di vista della salute che della coesione sociale, e potrebbe quindi aumentare la longevità. Un viaggio al supermercato o al centro commerciale implica un contatto sociale e un po’ di esercizio, che potrebbero essere sufficienti ad assicurare l’effetto”.

    Ne saranno lietissimi i proprietari e i gestori di negozi e punti vendita, e un pochino anche noi fanciulline, che finalmente vediamo confermato scientificamente una sorta di passaparola femminile a cui abbiamo sempre dato largamente credito: per il buonumore, niente di meglio di un po’ di sano shopping, magari non compulsivo ma… distensivo, o no?