Sepolta viva dal compagno che si giustifica: “Lei mi annoiava”

Sepolta viva dal compagno che si giustifica: “Lei mi annoiava”
da in Coppia, Primo Piano, Uomini, Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:

    sepolta viva dal compagno

    Oggi vi raccontiamo la storia da brividi della donna inglese sepolta viva dal compagno e che si è salvata grazie all’anello di fidanzamento. L’uomo avrebbe spiegato il folle gesto con il fatto che “lei lo annoiava” e si sarebbe giustificato dicendo che non la voleva uccidere ma solo spaventare. Non possiamo neanche immaginare cosa abbia passato la donna e quali pensieri le abbiano dato la forza di non soccombere. Lei ha dichiarato, in quegli istanti terribili di avere pensato al figlio e di avere così trovato la forza di ribellarsi al suo destino che sembrava già tragicamente segnato.

    Succede in Gran Bretagna dove un uomo di origine polacca dopo avere stordito la fidanzata col Taser l’ha sepolta viva in un bosco dello Yorkshire. La donna è stata chiusa in una scatola di cartone e calata sottoterra. L’uomo è stato condannato per tentato omicidio: Marcin Kasprzak però si giustifica per l’aggressione a Michelina Lewandowska, madre di suo figlio, dicendo che lei lo «annoiava».

    Una vicenda assolutamente incredibile che ancora una volta mette in luce il problema della violenza sulle donne, come per la giovane del Bangladesh a cui erano state amputate le dita dal marito, e ci porta a porci una domanda: come è possibile che un uomo si senta tranquillamente in diritto di fare una cosa del genere? L’uomo infatti non è stato dichiarato infermo di mente e questo getterebbe una luce ancora più (se possibile) inquietante sul gesto compiuto, lucido e ragionato.

    La donna è però riuscita, grazie l’anello di fidanzamento a rompere la scatola di cartone e a liberarsi. Solo ora conosciamo i dettagli di questa tremenda vicenda che risale al maggio scorso.

    «Il pensiero di mio figlio mi ha dato la forza di salvarmi», ha detto la ragazza. «Temevo che sarei morta in quella scatola o che, se fossi mai riuscita a uscire, lui sarebbe stato lì ad aspettarmi».

    «L’ho amato per anni. Ma dopo questo orribile episodio i miei sentimenti nei suoi confronti sono solo di odio», ha concluso lei: «Ogni notte mi sogno che tornerà per uccidermi. Spero solo che capisca quel che ha fatto e capisca che era molto sbagliato».

    416

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CoppiaPrimo PianoUominiViolenza sulle donne Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21/12/2011 15:07
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI