Scomparsa della piccola Maelys de Araujo: emersi nuovi indizi sul sospettato del rapimento

Rivelati nuovi elementi a carico del principale sospettato, un 34 enne amico di famiglia. Un video lo mostra mentre lava la vettura in cui è stato rinvenuto il DNA della piccola. L'uomo,che è indagato per rapimento di minore, si dichiara innocente

da , il

    Scomparsa della piccola Maelys de Araujo: emersi nuovi indizi sul sospettato del rapimento

    Svolta nella scomparsa della piccola Maelys. Sono risultati nuovi nuovi elementi a carico di Nordahl Lelandais, l’ex militare 34enne amico del padre della bimba scomparsa, arrestato con l’accusa di averla sequestrata la notte del 27 agosto scorso, durante una festa di matrimonio a Pont-de-Beauvoisin, nell’Isere. L’uomo si è dichiarato innocente, tuttavia ha ammesso fin dall’inizio che la piccola era salita sulla sua auto, forse per giocare con un cane.

    Emersi nuovi elementi a carico del sospettato

    L’auto è stata in seguito lavata dall’indagato, proprio il giorno successivo la scomparsa, asserendo che la ragione era la vendita della vettura. E’ stato proprio questo a insospettire gli inquirenti che hanno osservato i video dell’autolavaggio in cerca di eventuali indizi. Dalle immagini di video sorveglianza è emerso l’accanimento con cui il 34enne ha ripulito la sua macchina, forse per eliminare prove a su carico ( nella vettura era stato infatti rinvenuto il DNA della piccola). Ulteriore elemento a carico dell’indagato è il secondo cellulare dell’uomo che il sospetto avrebbe disattivato due giorni dopo la scomparsa di Maelys. La sua spiegazione circa il malfunzionamento della sim non ha convinto gli inquirenti che procederanno con le indagini.

    Le ricerche senza sosta della piccola Maelys

    fiume Guiers, un luogo che ha richiesto l’aiuto degli elicotteri per inviare i sommozzatori, tanto è impervio l’accesso. Poi gli inquirenti hanno perlustrato il lago di Aiguebelette, a circa 20 minuti dal luogo di residenza del 34enne sospettato di “rapimento, sequestro o detenzione arbitraria di un minore di 15 anni”. Sull’auto dell’uomo sarebbe stato rinvenuto il Dna della piccola. L’ipotesi del rapimento è rimasta quella più accreditata, e le perlustrazioni sono state estese a tutto il Paese. La bambina sarebbe stata vista l’ultima volta in un grande parcheggio.

    Arrestato 34enne per la scomparsa di Maelys de Araujo: è amico del padre

    Sottoposto ad interrogatorio, il sospettato ha ammesso che la minore possa essere salita sulla sua auto, un Audi A3, respingendo però l’accusa di averla rapita. Già la scorsa settimana, in realtà, il fuoco investigativo si era concentrato su di lui, fermato insieme a un secondo sospettato e in seguito entrambi rilasciati.

    Il 34enne risulterebbe essere un amico del padre della piccola Maelys e anch’egli si trovava al ricevimento quando di lei si sono perse le tracce. L’uomo continua a rigettare un suo coinvolgimento nel presunto rapimento della minore, ma le sue dichiarazioni non hanno trovato riscontri e sembra non abbiano convinto pienamente la polizia. Attualmente, come sottolineato dalla Procura di Grenoble, sull’uomo pende l’accusa di sequestro e detenzione di minore, reati per i quali è indagato.

    Bambina scomparsa a un matrimonio: allerta rapimento in Francia

    Sono ore di angoscia per la Francia, in attesa di qualche notizia che possa risolvere positivamente il caso della piccola Maelys, sparita nel nulla durante una festa di matrimonio. La bambina, 9 anni, è stata avvistata per l’ultima volta nel parcheggio del locale di Pont-de-Beauvoisin in cui si teneva il ricevimento, a sud del Paese, nella serata del 27 agosto scorso.

    I festeggiamenti a cui aveva preso parte con la famiglia sono stati bruscamente interrotti dall’annuncio del dj, che invocava il nome della bimba al microfono tra la crescente disperazione dei parenti. In un primo momento si era pensato a una fuga, ma, esclusa questa ipotesi, è allerta rapimento in tutta la nazione.

    I cani delle forze di polizia hanno fiutato tracce della minore proprio nel luogo dell’ultimo avvistamento. La misteriosa scomparsa sarebbe avvenuta intorno alle 3 del mattino, durante il ricevimento. Le ricerche a tappeto continuano incessanti, tra boschi, vecchi casolari e persino reti fognarie.

    Interrogati i 180 invitati al ricevimento

    Prima di arrivare al fermo del sospettato, gli investigatori hanno passato al setaccio le testimonianze dei presenti, e hanno avviato l’interrogatorio per tutti i 180 invitati alle nozze. Perquisite anche l’abitazione e l’auto del gestore del locale da cui la piccola è sparita, ma al momento si brancola nel buio e nessuna traccia della minore. Sono centinaia le persone coinvolte nelle difficili operazioni di ricerca, tra agenti e volontari impegnati e dislocati in varie aree del Paese. La piccola Maelys potrebbe essere stata vittima di un gesto criminale: lo rende noto la procura di Bourgoin-Jailleu.

    Maelys è scomparsa: l’appello della Gendarmerie Nationale

    La Gendarmerie Nationale ha diffuso un appello, anche via Twitter, in cui sono presenti gli estremi per poter riconoscere agevolmente la bambina. Maelys è alta 1.30 mt, pesa 28 kg, ha capelli castani e occhi marroni. Il 27 agosto scorso, giorno della sparizione, indossava abiti bianchi e poco prima si trovava insieme agli altri bambini in una stanza del locale in cui era in corso il ricevimento di nozze di uno zio, cugino di sua madre.

    Sembra sempre più verosimile, agli occhi di addetti ai lavori vicini all’inchiesta sul caso, che possa trattarsi di un sequestro di persona e che la bimba sia salita a bordo di un veicolo.