Saldi estate 2010: vendite in calo, colpa del caldo

da , il

    saldi 2010 vendite in calo

    I saldi estate 2010 sono iniziati già da qualche giorno ma purtroppo la partenza è stata decisamente sottotono, visto che nei giorni passati le vendite non sono state certo come i commercianti si aspettavano. Nonostante tutto gli esercenti non disperano e promettono affari ancor più degli anni passati, con ribassi sempre maggiori. Probabilmente a causare lo scarso interesse verso i saldi ci sono stati diversi fattori, tra cui il caldo eccezionale che ha scoraggiato anche i più accaniti “saldisti”, dirottandoli verso i centri commerciali, per non parlare poi della crisi economica, che fa ancora sentire i suoi effetti.

    Pensate che in queste prime due settimane di vendite promozionali la stragrande maggioranza di negozi di abbigliamento e calzature, in tutte le principali città italiane, ha registrato una flessione delle vendite compreso tra il 15 ed il 20% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

    Secondo Roberto Manzoni, presidente della Fismo-Confesercenti, quest’anno il fattore climatico è stato determinante e le temperature oscillanti tra i 30 ed i 40 gradi hanno tolto la voglia di andare in giro per negozi in cerca dell’occasione vantaggiosa a moltissimi acquirenti.

    Nonostante questo, dalla Confesercenti fanno sapere che, passata questa ondata di caldo, sicuramente i saldi recupereranno il loro tradizionale appeal, anche in considerazione del fatto che gli sconti sono decisamente più alti degli scorsi anni.

    Dolcetto o scherzetto?