NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Saldi: le migliori offerte nei negozi

Saldi: le migliori offerte nei negozi
da in Abbigliamento, In Evidenza, Moda economica, negozi, saldi 2009
Ultimo aggiornamento:

    Ne abbiamo già parlato da tempo, i saldi sono già iniziati in tutte le città di Italia e molte di noi ne avranno sicuramente già approfittato per cogliere al volo qualche ghiotta occasione.

    Oggi facciamo una prima resa dei conti, a dieci giorni dalla data di inizio dei saldi nelle prime città, su quali sono i negozi che propongono le migliori occasioni, e quali invece è meglio evitare, o ripassare più in là. E voi cosa avete acquistato? Dove avete trovato le migliori offerte?

    Lo sappiamo bene, tutte quante, in tempo di saldi bisogna stare abbastanza attente e avere le idee chiare per sapere in quali negozi si possono trovare realmente delle ottime occasioni, e in quali invece è meglio tenere gli occhi aperti o ripassare più in là, quando lo sconto sarà più significativo.

    Come prima regola bisogna tener presente che in linea di massima i saldi non superano quasi mai il 50%, se lo sconto è superiore, perciò, si tratta sicuramente di un capo d’abbigliamento delle scorse collezioni, o rimasto invenduto per anni … e se nessuno ha deciso di acquistarlo, le possibilità sono due: o siete state molto fortunate, oppure c’è qualcosa che non va.

    Considerate che i saldi devono reggere per un po’ di settimane, quindi la maggior parte dei negozianti, nei primi 15 giorni, tende a svendere con uno sconto del 30% al massimo, i capi del la passata collezione, e con uno sconto maggiore gli avanzi più datati. Dopo i primi 10-15 giorni, generalmente lo sconto sale, ma valutate bene se vale la pena aspettare oppure no.

    Le catene di moda economica come Zara, Carpisa o H&M, ad esempio, nelle prime settimane tirano fuori un po’ di tutto, capi invernali e anche estivi. Con la grossa vendita che hanno, preferiscono dilazionare per bene le offerte, approfittando della “foga” d’acquisti dei primi giorni, per sloggiare i fondi di magazzino. Perciò attenzione, perché tra le tante offerte si trovano spesso capi difettati, macchiati, con bottoni caduti o cerniere fallate. La quantità di visitatori è smisurata e gli abiti sono disposti in maniera spesso confusa, perciò se non siete disposte a fare a botte per quella magliettina che avete adocchiato, lasciate perdere le boutiques low cost.

    Altre catene di moda come Benetton, Playlife, Miss Sixties, Killa, Sisley e tanti altri invece restano per ora su uno sconto del 20-30%, ovviamente variabile a seconda dei diversi puti vendita, che a volte diventa abbordabile, mentre per alcuni capi continua a rimare troppo poco per convincerci all’acquisto.

    Ottime invece, le proposte delle più importanti catene di intimo come Tezenis, che si confermano perfette anche in tempo di saldi. Qui, pur essendoci una vastissima varietà di modelli, vecchi e nuovi, si riesce ancora a combinarsi un completo intimo coordinato della propria taglia! Nonostante i saldi, i negozi vengono riforniti spesso di prodotti da svendere e non si rischia mai di trovare gli scaffali vuoti.

    L’organizzazione degli scaffali per taglie, così come da Intimissimi e Yamamay, permette di trovare abbastanza facilmente ciò che cerchiamo.

    Le grandi firme applicano alle collezioni, uno sconto raramente superiore al 30%, che in molti casi non le rende ancora accessibili, rifilando alla merce in saldo una porzione ristretta di scaffali affiancati alle nuove collezioni. Generalmente chi frequenta abitualmente questi negozi raramente aspetta i saldi per gli acquisti, perché un 20% non incide così tanto da invogliare allo shopping sfrenato. I prezzi alti restano alti, a meno che non vi rivolgiate a qualche boutique di fiducia che proponga grandi firme a sconti maggiori. Nonostante questo le eccezioni, come alcuni punti vendita Guess e Liu Jo, partono immediatamente con il 50% di saldo.

    Discorso diverso per gli acquisti sportivi e per piumini e cappotti tecnici. Se cercate capi che abbiano particolari prestazioni, come ad esempio i capi Moncler, Woolrich, Geox, Nike, Adidas oppure altri marchi per la neve, va benissimo anche il 20-30%. I prezzi generalmente sono molto alti, ma si tratta di prodotti unici e perfetti per questo tipo di esigenze, vengono venduti velocemente, quindi cogliete al volo l’occasione, prima di rischiare di ritrovarvi senza.

    Stesso principio vale per le griffe di tendenza, soprattutto per quanto riguarda le scarpe più richieste come Converse, NeroGiardini, Paciotti e tante altre, che essendo ricercatissime non anno bisogno di scendere oltre al 30% di sconto per invogliare all’acquisto, sono già ambite così, anche se le eccezioni non mancano neppure in questo caso.
    Se volete segnalarci i nomi dei negozi dove avete fatto grandi affari, oppure avete preso una grossa fregatura, fatecelo sapere in un commento.

    1015

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AbbigliamentoIn EvidenzaModa economicanegozisaldi 2009
    PIÙ POPOLARI