Russia, decapita la nipote di 18 mesi e corre per strada con la testa in mano

Il folle gesto ha sconvolto il Paese: la piccola, figlia di una sorella dell'assassino, è stata aggredita insieme alla madre, scampata alla furia omicida. L'uomo è noto alle forze dell'ordine ed era stato appena dimesso da un ospedale psichiatrico. La mamma della bimba aveva chiesto più volte che non venisse rimesso in libertà, poi l'orribile epilogo.

da , il

    Russia, decapita la nipote di 18 mesi e corre per strada con la testa in mano

    Un orrore senza precedenti ha travolto la Russia: un uomo ha decapitato la nipote di 18 mesi, correndo poi per strada con la testa in mano. L’autore del folle gesto era già noto alle forze dell’ordine, secondo il Daily Mail per un precedente omicidio. Pare che da pochi giorni fosse stato dimesso da un ospedale psichiatrico, nonostante la madre della piccola, scampata alla furia omicida di suo fratello, avesse più volte sollecitato le autorità a non rimetterlo in libertà.

    Aggredisce madre e figlia, poi l’orrore: aveva già ucciso

    Mikhail Elinsky, 42enne russo, pare fosse uscito da poco da un ospedale psichiatrico in cui sarebbe stato ricoverato per una conclamata incapacità di intendere e di volere. Il precario stato di salute mentale parrebbe certificato, secondo quanto riportato dalla stampa locale, da una serie di perizie psichiatriche condotte sull’uomo all’epoca della contestazione di un altro omicidio, quello di una donna.

    Un precedente penale pesante come un macigno, oscuro presagio di una tragedia praticamente annunciata: la sorella di Elinsky, madre di una bimba di 18 mesi, aveva a più riprese invocato l’aiuto delle autorità affinchè quel fratello violento non tornasse in libertà. Una preghiera caduta nel vuoto, che oggi, dopo l’orribile morte di sua figlia, riecheggia nella testa di familiari e conoscenti della piccola vittima.

    Decapita la nipotina di 18 mesi e corre con la sua testa in mano

    L’uomo, da poco dimesso dalla struttura sanitaria in cui si trovava dopo l’accertamento della sua sofferenza mentale, avrebbe aggredito la donna e la nipotina a coltellate, uccidendo quest’ultima e compiendo sul suo corpicino il drammatico scempio: l’ha decapitata, poi è sceso per strada seminudo e si è messo a correre tenendo tra le mani la testa della bambina.

    Le immagini choc dell’uomo che viene rincorso dalla polizia sono state diffuse online. In una mano il coltello, nell’altra i resti della bimba. Il video mostra anche il momento in cui gli agenti neutralizzano l’assassino e lo arrestano. Morirà poco dopo in ospedale per le ferite riportate nello scontro con le forze dell’ordine.