Roma, ragazza di 16 anni morta di overdose al Forlanini

Roma, ragazza di 16 anni morta di overdose al Forlanini
da in Cronaca
Ultimo aggiornamento:
    Roma, ragazza di 16 anni morta di overdose al Forlanini

    La 16enne Sara Bosco di Santa Severa è stata trovata morta, probabilmente a causa di un’overdose di eroina, da sua madre Katia Neri ieri mattina su una lettiga arrugginita all’interno di un padiglione dismesso dell’ospedale Carlo Forlanini di Roma. L’ex struttura ospedaliera situata nel quartiere Monteverde, inaugurata negli anni ’30 e chiusa ufficialmente dallo scorso giugno, è ormai diventata una casa abusiva per clochard e drogati. Secondo gli inquirenti la madre e la figlia frequentavano quel posto e pare che ci dormissero spesso.

    Sara Bosco aveva lasciato la scuola che frequentava a Ladispoli ed era già scappata di casa altre volte. Alcuni mesi fa la mamma aveva lanciato un accorato appello tramite il programma di Raitre Chi l’ha visto. Era stata poi ritrovata ed era tornata a casa. Dal 5 maggio scorso era ospitata in una comunità di recupero a Perugia per disintossicarsi. Domenica scorsa però era scappata dalla comunità di recupero per tossicodipendenti.

    In questi ultimi giorni la madre, anche lei con una storia di dipendenza, non ha mai smesso di cercarla fino alla tragica scoperta. Katia Neri ha cercato di salvarla, praticando un massaggio cardiaco. Purtroppo non c’è stato nulla da fare. Quando i medici del 118 sono giunti nell’ala abbandonata dell’ex ospedale, Sara Bosco era già morta.

    La madre è sotto shock.

    La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo di indagine e gli agenti del commissariato Monteverde, coordinati dal dirigente Antonio Roberti, sarebbero sulle tracce di chi ha ceduto l’eroina alla ragazza. Rischiano l’accusa di omicidio o di morte come conseguenza di altro reato.

    E’ stato predisposto l’esame autoptico che stabilirà le cause della morte, mentre, i medici dell’istituto di medicina legale della Sapienza stanno già procedendo con esami e accertamenti. “Aspettiamo i risultati dell’autopsia – ha dichiarato il dirigente Roberti ai cronisti. Le prossime ore saranno decisive per capire cosa sia accaduto. Sono ancora molti gli interrogativi a cui rispondere”.

    R.i.p. Sara.

    403

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cronaca Ultimo aggiornamento: Giovedì 09/06/2016 10:54
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI