Natale 2016

Realistic Barbie, la rivoluzione curvy delle bambole [FOTO]

Realistic Barbie, la rivoluzione curvy delle bambole [FOTO]
da in Bambini
Ultimo aggiornamento:

    La Barbie cambia volto e fisico con taglie e dimensioni più realistiche. La rivoluzione curvy delle magiche bambole è in atto ed è davvero sorprendente. Dopo decenni di aspre polemiche, critiche e proteste per aver sempre proposto un canone di bellezza legato all’eccessiva magrezza, il colosso nella produzione di giocattoli Mattel ha deciso di realizzare tre nuove versioni della famosa bambola che rispecchiano un modello femminile positivo e moderno: la barbie petit (minuta), la barbie tall (alta) e la barbie curvy (formosa). Questo progetto denominato “Alba” rappresenta una scelta epocale e importante al fine di incarnare un più ampio ideale di bellezza.

    Le bambole più amate dalle bambine e anche dai bambini di tutto il mondo saranno disponibili con diverse tonalità del colore della pelle e tantissime acconciature. I nuovi modelli sono in tutto 33 e saranno disponibili entro la fine dell’anno, ma molti modelli saranno in vendita già a partire dall’1 marzo.

    “Questa bambola – ha sottolineato Kristina Duncan, responsabile del settore marketing – ha dato voce alle pari opportunità per la prima volta come dirigente d’azienda nel 1985. È stata la prima a viaggiare nello spazio nel 1965, quattro anni prima della conquista della Luna, e si è candidata alla presidenza Usa per sei volte dal 1992″.

    Una delle più grandi produttrici di giocattoli al mondo ha dunque deciso di rivoluzionare il corpo della storica bambola per stare al passo con i nuovi gusti in fatto di bellezza, ma anche per far comprendere meglio il valore della diversità e dell’essere a proprio agio con il proprio aspetto. E’ sicuramente il cambiamento più significativo nella storia della bambola. E’ inoltre una ghiotta opportunità di marketing poiché la nuova Barbie con misure e acconciature diverse comporterà la vendita di più accessori e vestiti, contribuendo a rilanciare le vendite della bambola.

    Anche i bambini giocano con Barbie

    Barbie è nata tradizionalmente per bambine, ma ora non più. Basta tabù e stop agli stereotipi di genere. Nella pubblicità della bambola più famosa e popolare al mondo, creata nel 1959 negli Stati Uniti da Mattel e ideata da Ruth Handler, è comparso per la prima volta un bambino nello spot di inizio novembre 2015. L’intramontabile icona di bellezza, che ha spento la sua 56esima candelina il 9 marzo 2015, è diventata un giocattolo anche per maschietti.

    I tempi sono cambiati e il tema della differenza di genere nei giochi per bambini è di estrema attualità.

    Dalla Barbie drag queen alla Barbie Moschino per tutti i bambini: il passo è breve. Il protagonista maschile del nuovo spot delle Barbie realizzate in edizione limitata per la casa di moda italiana Moschino appare due volte in video: la prima volta per dire che “Barbie Moschino è eccezionale” e la seconda per fare l’occhiolino e passare il telefonino, che è appena squillato, alla sua bambola.

    GUARDA LE FOTO DELLA BARBIE, LA BAMBOLA PIU’ AMATA DALLE BAMBINE

    A firmare la campagna è il designer d’abbigliamento Jeremy Scott. Durante una sfilata a tema Barbie del 2014, il direttore creativo di Moschino aveva dichiarato: “Come tutte le ragazze e i ragazzi gay amo Barbie. È difficile non farlo, è praticamente perfetta: è una buona sorella maggiore, fa tutti i lavori e ha tutti i vestiti del mondo. È semplicemente gioiosa – aveva aggiunto Scott – Io e lei condividiamo la stessa cosa: vogliamo portare gioia alle persone”. Il mondo è in continua evoluzione, come d’altronde le mitiche e fantastiche barbie!

    632

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Bambini

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI