NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Raffaella Carrà, la rivoluzione biondo platino

Raffaella Carrà, la rivoluzione biondo platino
da in Donne in Carriera, Uomini che amano le donne
Ultimo aggiornamento:

    raffaella carrà

    Il mondo dello spettacolo si divide in P.C (Prima della Carrà) e D.C.(Dopo la Carrà). Il Prima Carrà è un mondo dello spettacolo in cui il genere femminile è privo dell’ombelico. Dopo l’avvento della Carrà, l’ombelico diventerà l’epicentro di un sensuale terremoto che sconvolgerà il cattolico e censorio suolo italico.

    Carrà è ballo, potenza, canto. Carrà è un caschetto biondo che ammalia e seduce. Carrà duetta con Sordi, Mina, Zero. Carrà è un ciclone di pailletes che invade gli schermi televisivi italiani riempiendoli di gioia di vivere. Carrà è Tuca Tuca, Rumore, Tanti Auguri, Far l’amore.

    Carrà è caliente sangue romagnolo che si riversa nei salotti perbenisti di un’Italia non abituata a condividere con altri irrefrenabili entusiasmi a base di ormone danzante.

    raffaella carra anni 70

    Nel corso degli anni fa girare la testa a Little Tony, Frank Sinatra, Gianni Boncompagni, Sergio Japino, Roberto Benigni, Tiziano Ferro e Bob Sinclar. Tutti, a modo loro, subiscono il fascino della Carrà nazionale; tutti diranno che il caschetto biondo ha lasciato in loro un segno.

    Concludendo potremmo dire che Raffaella Carrà è uno dei pochi casi in cui si potrebbe parlare di opera d’arte vivente.

    Carrà: rivoluzione biondo platino.

    255

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Donne in CarrieraUomini che amano le donne
    PIÙ POPOLARI