Prevenzione tumore al seno, le iniziative di ottobre 2012

Prevenzione tumore al seno, le iniziative di ottobre 2012
da in Salute E Benessere, cure mediche, seno, Tumore
Ultimo aggiornamento:

    nastro rosa

    Ottobre è il mese della prevenzione del tumore al seno e anche quest’anno non mancano le iniziative volte a sensibilizzare le donne su questa patologia tutta femminile. Ogni anno, in Italia, si ammalano più di 41 mila donne, una cifra davvero notevole che si traduce in 1 su 10, inoltre il 30% di queste diagnosi interessano le donne sotto i 50 anni e le percentuali sono sempre più alte anche nelle donne sotto i 40anni. La prevenzione è l’arma più potente che abbiamo, la diagnosi precoce è essenziale per la guarigione definitiva.

    Nei casi in cui il tumore al seno viene diagnosticato subito, quando le lesioni sono ancora in una fase iniziale, la probabilità di guarigione è di oltre il 90%. Le percentuali sono numeri che, se da un lato ci danno coraggio, dall’altro sempre numeri restano, quindi è importante capire che ogni storia è diversa, ma tutte possiamo prenderci coscientemente cura del nostro corpo. Ogni anno il mese di ottobre è dedicato alla prevenzione, alle campagne di sensibilizzazione,all’importanza dei controlli, della diagnosi precoce e soprattutto di qual è lo stile di vita più sano da adottare per avere una vita lunga e sana. Una diagnosi precoce riduce anche i rischi di recidiva, che già con i trattamenti vengono limitati, soprattutto con la chemioterapia e radioterapia dopo l’intervento e la terapia ormonale che si deve fare dopo per un tot di anni.

    Le iniziative sono tante e tutte rivolte a noi donne, non si deve pensare che il cancro al seno riguardi gli altri, che ancora si è troppo giovani per queste cose, che se non ci sono casi in famiglia non ci sono rischi. Il tumore al seno riguarda tutti, anche le ragazze più giovani, dove anzi la malattia è spesso più aggressiva, quindi la diagnosi precoce è ancora più importante. Le terapie a disposizione sono tante e tutte molto efficaci, inoltre c’è molta più coscienza sulle cure e su quello a cui si va incontro. Un tumore non significa necessariamente mastectomia, nella maggior parte va bene la quadrenctomia, si elimina la zona del tumore e quella sana circostante, lasciando intatto il capezzolo e il resto della mammella. L’intervento chirurgico di ricostruzione si può fare contemporaneamente all’intervento per rimuovere il tumore,oppure in seguito. Dal tumore al seno si può guarire, e prima arriva la diagnosi maggiori sono le probabilità.

    L’autopalpazione è il primo step della prevenzione, si deve fare ogni mese, ovviamente nel modo giusto. Se dovessero esserci arrossamenti, cambi di forma, dolori, torsioni del capezzolo o perdite di muco o sangue è bene andare subito dal medico e fare una mammografia.

    La mammografia va fatta ogni anno a partire dai 35/40 anni, nei casi di tumori in famiglia è bene concordare una profilassi specifica con il proprio medico (oncologo-genetista).

    nastro rosa 2012

    Per tutto il mese di ottobre nei 395 punti Prevenzione/Ambulatori Lilt ci saranno a disposizione visite senologiche e analisi strumentali, ma anche consigli per capire, curare, prevenire e scoprire la malattia. Per trovare l’ambulatorio Lilt più vicino a casa vostra chiamate il numero verde SOS Liltt 800-998877 oppure andate sul sito www.nastrorosa.it.

    Casalegno_fronte_335

    Molto interessante anche la campagna di QVC (canale di televendite) e BHI (Breast Health International), una fondazione non profit che opera in molte parti del mondo e finanzia programmi di ricerca avanzata. Per tutto il mese di ottobre 2012 sarà possibile aderire al progetto “Shopping4Good” ed acquistare il braccialetto “Uno”, al prezzo di 19,80 euro e il 50% del ricavato sarà devoluto a “Fund For Living” in collaborazione con Veronesi per aiutare le donne sotto trattamento. “Uno” è un bracciale molto carino, magnetico e formato da una catena in cui sono presenti tante micro sfere attaccate ad una grande, quest’ultima rappresenta la donna che sta combattendo, le sfere piccole invece sono gli altri, la ricerca, la prevenzione, la divulgazione, l’amore, l’affetto, la grinta. Il bracciale è disponibile nei seguenti colori: rosa, verde, rosso, blu, grigio e oro/argento. “Fund For Living” aiuta le donne che stanno combattendo contro il cancro nelle piccole necessità quotidiane che, sotto chemio, diventano insormontabili, ma anche aiuti pratici che il sistema sanitario non copre, ad esempio il trasporto in ospedale, assistenza ai bambini o anziani e domestica, parrucche, reggiseni. “Fund For Living” attualmente opera in 8 centri italiani: Perugia, Bari, La Spezia, Palermo, Firenze, Catania, Bologna e Udine. Lo slogan dell’iniziativa di BHI è “Quando una donna vince contro il tumore al seno vincono tutte” e questa campagna è stata supportata da alcune celebrities che sono Elenoire Casalegno, Randi Ingerman, Lucrezia Lante della Rovere, Fiorella Mannoia e Francesca Neri, che insieme hanno posato per delle fotografie, realizzate dal bravissimo Fabio Lovino. Il braccialetto lo potete acquistare sul canale televisivo QVC (canale 32 nel Digitale Terrestre e tivùsat), su Sky al canale 475 e onlin tramite il sito www.qvc.it.

    Mannoia bhi

    Controllatevi, amatevi e prendetevi cura di voi!

    938

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Salute E Benesserecure medichesenoTumore Ultimo aggiornamento: Venerdì 05/10/2012 10:38
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI