Natale 2016

Povera Beyoncé, il suo nome e il suo lato B usati per identificare un tafano…

Povera Beyoncé, il suo nome e il suo lato B usati per identificare un tafano…
da in Animali, Cantanti, Celebrità straniere, Gossip, Mente, Musica, glutei
Ultimo aggiornamento:

    Beyonce insetto

    Torniamo a parlare della bellissima Beyoncè, ma stavolta non per fornirvi le ultime news a proposito della sua recentissima maternità, ma per un notizia quantomai curiosa. Alla diva 30enne, nota e ammirata per le sue forme estremamente femminili, e il suo sensuale e tornito lato B, è stato infatti associato dagli scienziati un insetto appartenente alla famiglia dei tafani, di cui finora noi tutti ignoravamo bellamente l’esistenza. Lo so, siete sconcertati perché non vedete il nesso, eppure c’è, almeno a sentire gli entomologi australiani che hanno “battezzato” la nuova specie di insetto (rarissima) con il nome della popstar.

    La dicitura completa (e scientifica) è questa: “Scaptia Plinthina beyoncae”, e si tratta di un tafano scoperto nello stato australiano del Qweensland nel 1981 (che è anche l’anno di nascita di Beyoncè), ma che fino ad ora non aveva mai ricevuto un nome ufficiale. Ma la cosa divertente di tutta la faccenda, è il motivo per cui è stata scelta proprio la diva americana per dare il proprio nome all’animaletto: il suo formoso didietro!

    Ebbene sì, ecco l’analogia: anche il raro tafano è dotato di un posteriore piuttosto voluminoso e, per di più, vivacemente colorato, il che ha fatto pensare agli entomologi (i quali, evidentemente, non vivono di soli studi e laboratorio), al celebre lato B di Beyoncè inguainato nei suoi luccicanti costumini di scena.

    Che dire… non esattamente un regalo elegante da fare alla neomamma, che solo la settimana scorsa ha dato alla luce la sua piccola Ivy Blue.

    Interessante, a tal proposito, la spiegazione di come gli scienziati procedono per “battezzare” le nuove specie animali che si scoprono: “A volte è veramente difficile dare un nome ad una specie: si possono usare aggettivi, a volte si possono fare scelte completamente arbitrarie e spesso si scelgono nomi scherzosi” – spiega l’entomologo Augusto Vigna Taglianti, dell’Università La Sapienza di Roma – Basti pensare che per un solo ordine di insetti esistono oltre 400.000 specie: è chiaro che con i nomi può succedere qualsiasi cosa”.

    Insomma, questi spiritosoni degli scienziati australiani hanno evidentemente deciso che una star del calibro di Beyncè poteva “anche” identificare un insetto, e perché no! Chissà cosa ne pensa la diretta interessata, e voi, amiche di PF, come lo vedreste il vostro nome associato ad un tafano… ?

    455

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnimaliCantantiCelebrità straniereGossipMenteMusicaglutei

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI