Natale 2016

Per ogni nuova storia d’amore perdiamo un’amicizia e un legame familiare, parola di antropologo…

Per ogni nuova storia d’amore perdiamo un’amicizia e un legame familiare, parola di antropologo…
da in Amicizia, Amore, Chiacchiere fra amiche, Coppia, Mente, Storie d' amore, psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Storia d amore amicizia persa

    Una nuova storia d’amore è sempre un’avventura entusiasmante ed emozionante, che ci coinvolge in modo totalitario. Quando ci innamoriamo di una persona, infatti, e il nostro sentimento viene ricambiato, tutte le nostre energie sono convogliate verso la costruzione della nuova relazione, e a volte resta poco spazio per altro. Ci siamo passate tutte, quanto più è forte l’attrazione che ci spinge verso il nostro innamorato, tanto più tendiamo a trascurare le altre persone della nostra vita, a volte persino i nostri familiari più stretti, che pure amiamo con tutto il cuore, finiscono per farne le spese.

    Ma pensate che un antropologo inglese ha provato a “quantificare”, in termini proprio relazionali, su una immaginaria bilancia cosa si acquista, e cosa si perde quando ci innamoriamo. Mediamente, ognuno di noi, guadagnando, un nuovo amore, di contro perde almeno un amico e un familiare. Ne vale la pena? Beh, sul momento, naturalmente, non si può sapere. Sappiate, però, che si tratta di un fenomeno del tutto naturale.

    A parlarne, durante una lezione speciale presso l’Università Bicocca di Milano, è stato Robin Dunbar, docente di Antropologia evolutiva presso l’Università di Oxford, sostenendo, tra l’altro, che il nostro cervello non è in grado di gestire più di 150 relazioni di vario tipo, incluse quelle virtuali su Facebook. “Quando si inizia una storia d’amore – ha spiegato l’antropologo – si perde almeno un amico e un parente. Solo che il familiare con il tempo ti perdona e lo recuperi, mentre l’amico no, lo perdi per sempre.

    E la causa non sta in un aut-aut del nuovo partner, ma nel fatto che si ha molto meno tempo da dedicare all’amico”. Io aggiungerei, meno tempo ma soprattutto meno “testa”, meno capacità di attenzione. Chi ci riesce (qualcuno c’è) a mantenere inalterate almeno le amicizie più strette, è davvero encomiabile, in effetti. A proposito di amicizia, Dunbar si preoccupa anche di stabilire le qualità dell’amico perfetto, tenendo conto del fatto che nessuno di noi (sostiene l’esperto) conta più di 5 amici veramente importanti.

    “Avere gli stessi interessi, gli stessi tratti della personalità, provenire dalla stessa città, parlare la stessa lingua o dialetto, avere un’istruzione simile e soprattutto avere un senso dello humor simile”. Con queste 5 caratteristiche, un amico diventa davvero l’Amico, con la A miuscola, perché ci corrisponde in tutto e per tutto. Voi siete d’accordo, la pensate allo stesso modo su amore e amicizia?

    489

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AmiciziaAmoreChiacchiere fra amicheCoppiaMenteStorie d' amorepsicologia

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI