Natale 2016

Per le protesi al seno tossiche l’Italia punta sulle sostituzioni, tra le vittime anche una ex ministra

Per le protesi al seno tossiche l’Italia punta sulle sostituzioni, tra le vittime anche una ex ministra
da in Chirurgia e Medicina Estetica, Intimità, Salute E Benessere, seno
Ultimo aggiornamento:

    protesi pil

    Torniamo a parlare delle protesi al seno tossiche prodotte in Francia ma utilizzate anche in Italia ed in altri Paesi europei, protesi che mettono a rischio la salute delle donne. In Italia, il Governo ha deciso che devono essere sostituite, per adesso si parla di interventi in strutture pubbliche ma potrebbero essere usate anche quelle private, i soldi dell’intervento verranno rimborsati a tutte le pazienti, ma in questi casi i tempi sono sempre molto lunghi, lo sappiamo.

    Si è detto tanto su queste protesi, si rompono, provocano allergie e irritazioni e fanno aumentare i rischi di ammalarsi di tumore al seno, su questa ultima cosa non sono state date informazioni precise ma di certo l’allarme è alto, molto più di quanto dicono, altrimenti non si farebbero così tante operazioni, per di più gratuite.

    Mentre in Italia sono iniziate le liste nei vari ospedali per capire quante e chi sono le donne che hanno la protesi Pip, il mondo del gossip si scatena… pare proprio che tra le vittime di queste protesi nocive ci sia anche una ex ministra del governo Berlusconi.

    E’ aperto il toto scommesse per scoprire di chi si tratta: Mara Carfagna, Giorgia Meloni, Stefania Prestigiacomo, Michela Brambilla, Mariastella Gelmini o Anna Maria Bernini?

    La questione è molto grave, si parla di 4 mila/5 mila donne solo in Italia. Nella realizzazione delle protesi Pip è stato utilizzato un silicone diverso da quello dichiarato alle autorità, silicone ad uso industriale al posto di quello medico. Il Governo francese non ha colpe, anche se i controlli per queste cose dovrebbe essere più rigidi, di certo speriamo che chi ha messo a repentaglio tutte queste vite, e ne ha spezzate tante altre, paghi per questa truffa.

    347

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Chirurgia e Medicina EsteticaIntimitàSalute E Benessereseno

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI