Natale 2016

Per i bambini affetti da autismo arriva “Auti”, il giocattolo terapeutico

Per i bambini affetti da autismo arriva “Auti”, il giocattolo terapeutico
da in Bambini, Mente, Salute E Benessere, giocattoli, malattie
Ultimo aggiornamento:

    Auti giocattolo bambini autismo

    Auti” è un giocattolo speciale per bambini speciali: affetti da autismo. A vederlo è un buffo pupazzo peloso, foderato di pelliccia di opossum, dotato di speciali “sensori” regolabili, che fanno sì che il gioco si spenga, qualora il bambino dovesse adottare dei comportamenti impropri, inadeguati, che comunque sono tipiche manifestazioni della patologia. In pratica, attraverso il contatto con “Auti”, il piccolo autistico può imparare a regolare i propri gesti in base alle reazioni altrui, e quindi apprendere a comportarsi in maniera più “empatica” con gli altri, in particolare con i coetanei che spesso si trovano in difficoltà a relazionarsi con soggetti affetti da autismo.

    Il pupazzo è stato studiato e messo a punto dalla dott.ssa Helena Andreae, della Victoria University (Australia), allo scopo di fornire ai bimbi autistici un facile strumento per imparare a gestire le proprie emozioni e a controllare il proprio comportamento, perché se si relaziona “male” con “Auti”, il gioco smette di funzionare automaticamente.

    Il giocattolo è stato realizzato in modo da poter essere usato fin dai sei mesi di età. “I bimbi autistici hanno difficoltà a giocare. Hanno grande difficoltà a sviluppare anche i più semplici scenari di finzione e hanno ulteriori difficoltà a giocare con altri bambini”, ha spiegato la dott.ssa Andrae. Da qui l’idea di produrre un giocattolo solo per loro e per le loro esigenze particolari.

    Per il momento Auti è ancora un prototipo, ma se ne verrà testata l’efficacia, allora, verosimilmente, verrà prodotto e distribuito anche qui da noi. Una bella idea, che inserita all’interno di percorsi terapeutici per i piccoli autistici, un po’ come già viene fatto con le marionette e la pet therapy, potrebbe davvero aiutarli a relazionarsi al mondo nonostante la malattia che tende ad isolarli.

    364

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniMenteSalute E Benesseregiocattolimalattie

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI