Pari Opportunità in Italia, Michaela Biancofiore duramente contestata per le sue posizioni conservatrici

Pari Opportunità in Italia, Michaela Biancofiore duramente contestata per le sue posizioni conservatrici
da in Cronaca
Ultimo aggiornamento:

    michaela Biancofiore pari opportunità

    Un Sottosegretario alle Pari Opportunità che parla di “natura diversa” per quanto riguarda gay e lesbiche con posizioni molto rigide e conservatrici? Questa è Michaela Biancofiore che, dopo alcune dichiarazioni decisamente scomode nei confronti degli omosessuali è stata spostata dal Ministero delle Pari Opportunità. “Come dare il Nobel per la Pace a Kim Jong-un (dittatore della Corea del Nord)“ è stata la battuta di Enrico Oliari, presidente di GayLib. Ma la nomina della Biancofiore come sottosegretario alle Pari Opportunità non è piaciuta a molti, compreso Letta che ha rapidamente rivisto la sua scelta alla luce delle dichiarazioni scomode della Biancofiore: il nuovo premier ha infatti deciso di spostare il sottosegretario nell’ambito del Ministero della Pubblica amministrazione e della semplificazione.

    “Biancofiore ha espresso in passato – hanno sottolineato alcune associazioni per i diritti degli omosessuali– posizioni molto conservatrici sui diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans, posizioni molto a destra rispetto a tutta la destra europea. Il tutto preoccupa ancor più considerato l’assoluto silenzio tenuto sull’argomento da parte del Presidente del Consiglio nel suo discorso alla Camera”.

    In effetti lascia di stucco la prima decisione di Letta di assegnare una donna con posizioni così poco elastiche proprio al Ministro delle pari Opportunità. La Biancofiore, appena dopo la sua nomina era stata intervistata da La Repubblica e difendeva le sue posizioni conservatrici su gay e lesbiche accusando comunità gay di “autoghettizzarsi”.

    Dichiarazioni forti e anacronistiche anche alla luce dei passi avanti che tutti gli Stati europei stanno compiendo a favore dei diritti di Gay e lesbiche, come in Francia dove da qualche giorno gli omosessuali possono sposarsi e adottare dei bambini. A quando un cambiamento anche in Italia? Certamente, con posizioni così rigide e conservatrici in un Ministero importante come quello delle Pari opportunità qualsiasi alito di cambiamento sarebbe stato solo un sogno. Sono però tantissime le persone che spingono per far diventare i diritti gay una priorità, cosa che nel nostro Paese non è mai stata però una realtà.

    Le frasi razziste della Biancofiore hanno certamente spiazzato chi aveva deciso di assegnarle una funzione così delicata: un governo bipartisan, come effettivamente è quello guidato da Letta, non può tollerare persone con ideologie e convinzioni così poco rispettose delle idee di tutti.

    Come molti cittadini ed esponenti politici, si è detto scioccato anche Vendola dopo le parole di Michaela Biancofiore.

    Ha tirato un sospiro di sollievo il portavoce di Gay Center, Fabrizio Marrazzo dopo la decisione di Enrico Letta di revocare l’incarico alla Biancofiore come sottosegretario per le Pari Opportunità. “Attaccare le associazioni gay come ha fatto oggi la Biancofiore è segno di presunzione. Se c’è chi deve fare autocritica sul mancato avanzamento dei diritti civili in Italia questa è la politica, non certo i movimenti” ha infatti sottolineato Marrazzo.

    La decisione di spostare la Biancofiore dalle Pari Opportunità al Ministero della Pubblica amministrazione e della semplificazione non si è fatta attendere: Enrico Letta ha fatto la scelta giusta? E voi cosa ne pensate?

    545

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cronaca Ultimo aggiornamento: Lunedì 06/05/2013 13:56
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI