Palermo, è arrivata Aquarius, la nave dei bambini: record di minori a bordo, sono 241

A Palermo ha attraccato Aquarius, la nave di Sos Méditerranée, con a bordo 606 migranti provenienti dall'Africa. Ribattezzata 'la nave dei bambini ', a bordo portava 241 minori di cui 170 non accompagnati. 'La crisi umanitaria nel Mediterraneo continua o addirittura peggiora' afferma la presidente italiana della ONG

da , il

    Palermo, è arrivata Aquarius, la nave dei bambini: record di minori a bordo, sono 241

    Questa mattina è attraccata al porto di Palermo Aquarius, la nave di Sos Méditerranée, l’associazione umanitaria per il soccorso in mare con a bordo ben 606 migranti di cui 241, 1 su 3 sono bambini. Sono occorse 36 ore e diverse operazioni di salvataggio per soccorrere le centinaia di migranti provenienti dalle coste africane. Visto il numero di minori a bordo, l’imbarcazione è stata soprannominata la” nave dei bambini”: oltre 170 i minori quelli non accompagnati, il più piccolo ha solo 6 giorni di vita ed è stato il primo a sbarcare sul molo palermitano.

    Violenza sulle donne, molte migranti vittime di abusi

    A bordo dell’imbarcazione Aquarius si trovavano 606 migranti : è la prima volta che sulle nostre coste sbarca un numero così alto di persone, provenienti soprattutto da zone di guerra e dall’Africa centrale. Molti migranti presentano sintomi di malnutrizione e appaiono provati dalla prolungata mancanza di cure. Molti di loro sono feriti, un giovane porta addosso i segni di ferite da arma da fuoco e da machete. A bordo si trovavano anche 11 donne incinte, mentre molte altre, soprattutto di origine subsahariana hanno dichiarato di essere state ripetutamente vittime di violenze sessuali e di essere state imprigionate per diversi mesi.

    Sbarco migranti : “il mare o la morte”

    Tra gli oltre 600 migranti, cinquanta sono richiedenti asilo siriani in fuga dalla Libia, e tra questi intere famiglie con bambini e due donne incinte al nono mese di gravidanza. “Siamo fuggiti dalla Siria e siamo arrivati in Libia nel 2012, ma presto in questo Paese tutto è diventato caotico, non ci sono più soldi, né lavoro- questa la testimonianza di un migrante siriano ai volontari della ong, raccontata da Repubblica – Non ho avuto altra scelta: il mio passaporto era scaduto, era il mare o la morte”.

    Migranti in Italia : “crisi umanitaria peggiora”

    “Le diverse operazioni di salvataggio effettuate dalla Aquarius in queste ultime ore dimostrano che la crisi umanitaria nel Mediterraneo centrale continua o addirittura peggiora. In mancanza di un’alternativa sicura, non hanno altra scelta che tentare la traversata del tratto di mare più mortale al mondo” afferma Valeria Calandra, presidente di Sos Méditerranée Italia. L’organizzazione umanitaria è nata in Germania nel 2015 con l’obiettivo di affiancare le operazioni di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo. Da quando la missione ha preso il via, a febbraio, la nave Aquarius ha tratto in salvo più di 23.000 persone.

    Dolcetto o scherzetto?