Natale 2016

Napoli, uccide la moglie e poi si getta dalla finestra

Napoli, uccide la moglie e poi si getta dalla finestra
da in Attualità, Cronaca, Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:
    Napoli, uccide la moglie e poi si getta dalla finestra

    Una donna ancora vittima del marito carnefice. Omicida e poi suicida. L’ennesima tragedia familiare giunge da Palma Campania nel napoletano. Al culmine di una furibonda lite il 59enne ortopedico Aniello Lamberti di 59 anni ha ucciso la 56enne insegnante Angelina Fusco con due colpi di pistola, uno alla testa e l’altro al petto, questa mattina alle 11 nel proprio appartamento in via Croce e poi in preda alla disperazione si è tolto la vita gettandosi da una finestra dell’appartamento, al terzo piano, precipitando in un cortile interno. I corpi sono stati trovati dal fratello dell’ortopedico, che ha allertato il 118 e i carabinieri ma i sanitari non hanno potuto far altro che accertare il decesso dei due coniugi. Le salme sono state trasferite presso l’istituto di medicina legale del secondo policlinico di Napoli.

    Aniello Lamberti e Angelina Fusco erano una coppia molto conosciuta e apprezzata in città. Lui lavorava all’ospedale di Nola. Lei era una stimata insegnante di scuola media. La coppia aveva due figli, entrambi medici. Negli ultimi tempi i due coniugi litigavano spesso.

    GUARDA I DATI SULLA VIOLENZA SULLE DONNE IN ITALIA

    I famigliari e gli amici della coppia sono sotto shock per l’uxoricidio e suicidio che ha scosso tutta la città. Il sindaco di Palma Campania Vincenzo Carbone conosceva molto bene Aniello e Angelina.

    Palma Campania, uccide la moglie e poi si suicida

    LEGGI LA STORIA E I DATI SULLE VITTIME SECONDARIE DEL FEMMINICIDIO IN ITALIA

    “E’ una tragedia inspiegabile – ha dichiarato il primo cittadino di Palma Campania – Sono stupefatto, come tutta la nostra Comunità… niente lasciava immaginare una cosa del genere. Avevo visto il dottor Lamberti l’ultima volta domenica scorsa a una rassegna canina organizzata al campo sportivo.

    Aveva un beagle e aveva partecipato. Era un personaggio ironico, divertente, conosciuto da tutti per la sua attività professionale”. Il sindaco ha parlato di un momento di pura follia: “L’ho visto a terra, con la testa all’indietro. Deve essersi lanciato di spalle. Era un medico e sapeva come poter morire con certezza”.

    SEGUI LA PAGINA FACEBOOK CHE CONTRASTA LA VIOLENZA SULLE DONNE

    Angelina Fusco è solo l’ultima vittima di femminicidio di una lunghissima e terrificante lista. R.i.p. Angelina.

    540

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàCronacaViolenza sulle donne

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI