Muore durante il parto: l’anestesista era ubriaca

Muore durante il parto: l’anestesista era ubriaca
da in Cronaca, Parto
Ultimo aggiornamento:

    anestesista-ubriaca-francia

    Muore durante il parto, l’anestesista era ubriaca. Trasportata d’urgenza all’Ospedale di Orthez, nei Pirenei, per un parto cesareo, è morta mentre dava alla luce il suo bambino, nella notte del 27 settembre, assistita da un’anestesista ubriaca. L’operatrice sanitaria, con comprovati problemi di alcolismo, è in stato di fermo e rischia 5 anni di carcere per omicidio colposo. Nel frattempo il reparto maternità del piccolo ospedale è stato chiuso, ma il bimbo fortunatamente è salvo.

    Aveva solo 28 anni la giovane francese morta durante il parto a causa della negligenza della sua anestesista. Una 45enne di origine belga con comprovati problemi di alcolismo e depressione, che nella notte della disgrazia presentava un tasso alcolico di oltre 2 grammi per litro di sangue. La triste vicenda si è svolta nell’ospedale della cittadina francese di Orthez, nei Pirenei, dove la ragazza è stata sottoposta a un parto cesareo d’urgenza.

    Pochi minuti dopo la somministrazione dell’anestesia da parte dell’operatrice sanitaria, ora sotto accusa, la ragazza ha subito un arresto cardiaco ed è stata trasportata immediatamente nell’ospedale di Pau, capoluogo del dipartimento. Per lei era troppo tardi ma per il suo bimbo c’era ancora speranza. Secondo alcuni testimoni l’anestesista “non era in uno stato normale durante l’intervento, sembrava non capire quali fossero le indicazioni”. Al momento è in stato di fermo, rischia 5 anni di carcere per omicidio colposo.

    GUARDA IL CASO DELLA 18ENNE MORTA PER UN TAGLIO CESAREO

    “Aveva difficoltà nell’esprimersi, nel comprendere e nel reagire” hanno dichiarato i medici presenti in sala operatoria al momento del parto, confermando i sospetti degli agenti. L’anestesista sotto accusa ha difatti ammesso di soffrire di alcolismo, ragion per la quale “non era in condizioni normali durante l’intervento”. Il procuratore di Pau, Jean-Cristophe Muller, ha dichiarato che sono stati “usati prodotti anestetici e di respirazione artificiale non conformi a quelli abituali”, che avrebbero causato il decesso della giovane madre. L’ennesimo caso di malasanità in sala parto, questa volta in terra francese.

    404

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CronacaParto Ultimo aggiornamento: Venerdì 03/10/2014 12:37
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI