Mowgli esiste davvero: in India una bimba di 8 anni allevata dalle scimmie nella foresta

Una storia che sembra uscita dal Libro della giungla, la piccola è stata trovata in una foresta e viveva con un branco di scimmie. La bambina indiana si comporta come loro ed emette suoni gutturali.

da , il

    Mowgli esiste davvero: in India una bimba di 8 anni allevata dalle scimmie nella foresta

    Come Mowgli una bambina di 8 anni ha vissuto insieme a un branco di scimmie in India. La storia che sembra uscita dal Libro della giungla: la piccola è stata ritrovata in una foresta dell’Uttar Pradesh dalla polizia indiana che l’ha immediatamente consegnata alle cure dei medici. “Mowgli girl“, come è stata ribattezzata, emette suoni gutturali e ha un comportamento animale, tanto che al momento del ritrovamento la sua posizione non era eretta ma si muoveva con l’uso di gambe e braccia. Secondo la stampa locale, circa due mesi fa un un agente di pattuglia nella Riserva naturale di Katarniaghat avrebbe individuato la bambina mentre correva insieme ai primati, poco distante da lui. L’uomo, rimasto impressionato dalla visione della piccola seminuda che cercava di fuggire, è riuscito a prenderla con sé e portarla al sicuro. Per spaventarlo, le scimmie e la bimba hanno emesso delle grida.

    La bambina indiana è stata allevata dalle scimmie

    La notizia della bambina indiana allevata dalle scimmie ha fatto il giro del mondo. La vita della piccola sembra essere proprio quella del piccolo Mowgli, una storia vera che si incastra perfettamente con quella del protagonista dei racconti di Kipling. Al momento del suo ritrovamento era evidente che si fosse completamente adattata alla vita selvaggia, con una postura non eretta e un linguaggio gutturale.

    In una conferenza stampa il dottor D.K. Singh, responsabile della struttura ospedaliera che ha preso in carico la bambina, ha parlato chiaramente di un comportamento proprio della specie animale con cui sarebbe cresciuta: la bambina non capisce alcuna lingua “umana”, si ciba come fanno le scimmie e ora sta seguendo un percorso riabilitativo che le permetterà di stare in piedi su due gambe: “Dopo settimane di cura la sua salute è migliorata, e la sua posizione è prevalentemente eretta, anche se continua a voler fuggire ogni volta che vede un essere umano”, ha riferito il medico.

    Ci vorrà sicuramente del tempo prima che la Mowgli indiana possa acquistare le facoltà proprie dell’essere umano, e ancora molto prima che possa fidarsi degli uomini. In queste ore in tanti si interrogano sulla vicenda, che ha trasformato la fiaba in realtà.