Natale 2016

Morto Dario Fo: il Premio Nobel si spegne a 90 anni [FOTO]

Morto Dario Fo: il Premio Nobel si spegne a 90 anni [FOTO]
da in Attori, Attualità, Celebrità Italiane, Dario Fo
Ultimo aggiornamento:

    Dario Fo è morto all’età di 90 anni a causa di problemi polmonari. Il celebre drammaturgo, attore, regista, scrittore, autore, illustratore, pittore, scenografo e attivista era ricoverato da 12 giorni all’ospedale Sacco di Milano. Il mondo della cultura e dell’arte è in lutto per la scomparsa di uno degli intellettuali più autorevoli e liberi del nostro Paese. La morte del vincitore del Premio Nobel per la Letteratura nel 1997 e autore di tantissime opere di satira politica e sociale, tra cui Il papa e la strega e Mistero buffo, lascia un enorme vuoto nella cultura italiana.

    Figlio di Felice Fo e Pina Rota, Dario era cresciuto in una famiglia intellettualmente vivace. Le favole raccontate dal nonno materno e le storie riportate da viaggiatori e artigiani avevano ispirato l’artista nel corso degli anni. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, Dario Fo si arruolò giovanissimo volontario nelle file dell’esercito fascista, prima nel ruolo di addetto alla contraerea a Varese e successivamente come paracadutista nelle file del “Battaglione Azzurro” di Tradate. La scoperta di questa militanza emersa per la prima volta negli anni Settanta scatenò aspre e durissime polemiche, oltre a querele e processi. Lui si giustificò sottolineando il fatto che si era arruolato volontario nell’unico esercito esistente, ma in quanto italiano e non in quanto fascista, per non essere deportato in Germania come lavoratore o come militare di leva.

    Dopo aver completato gli studi all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, cominciò a lavorare per la Rai come attore e autore di testi satirici a partire dal 1950 dando vita alla serie dei suoi monologhi radiofonici intitolata Poer nano. Dal 1955 al 1958, lavorò come soggettista per il cinema. Nel 1956 scrisse e interpretò, insieme a Franco Parenti, un varietà per la radio intitolato “Non si vive di solo pane”. Agli inizi degli anni ’60 alcuni suoi brevi pezzi per il varietà televisivo Canzonissima finirono nel mirino della censura e così decise di abbandonare la televisione per dedicarsi al suo grande amore: il teatro. Aveva fondato diversi gruppi teatrali che portarono in scena tantissimi successi definiti dalla critica “sovversivi” e “trasgressivi”: da Mistero buffo a Morte accidentale di un anarchico, da Il teatro di Dario Fo a Il papa e la strega fino a La signora è da buttare.

    Una carriera eccezionale e splendida coronata dal Premio Nobel per la Letteratura nel 1997 “perché, seguendo la tradizione dei giullari medievali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”. Durante la sua carriera si era schierato pubblicamente a favore della sinistra e negli ultimi anni aveva aderito al Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo.

    Dario Fo e Franca Rame formavano una delle coppie vip più belle, inossidabili, potenti e influenti della cultura italiana. Sempre uniti e forti sia nella vita pubblica che in quella privata. I due attori si unirono in matrimonio il 24 giugno 1954 nella basilica di Sant’Ambrogio a Milano. Dalla loro lunghissima e meravigliosa storia d’amore è nato il 31 marzo 1955 il loro unico figlio Jacopo. Solo la morte li ha divisi, ma solo per qualche anno. Franca Rame è morta all’età di 83 anni il 29 maggio 2013 nella sua abitazione di Porta Romana a Milano.

    R.i.p. Dario Fo.

    622

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttoriAttualitàCelebrità ItalianeDario Fo

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI