Mondiali Paralimpici, Bebe Vio è oro nel fioretto individuale

Nella rassegna iridata paralimpica, l'atleta si conferma la migliore: un oro che vale più di mille parole, guadagnato contro la russa Boykova. Il gradino più alto del podio arriva a due anni da quello conquistato a Eger, in Ungheria, e a un anno dal trionfo alle Paralimpiadi di Rio.

da , il

    Mondiali Paralimpici, Bebe Vio è oro nel fioretto individuale

    Beve Vio è oro nel fioretto individuale ai Mondiali Paralimpici. Un trionfo che arriva a Roma, a un anno dall’oro olimpico di Rio. La rassegna iridata, in corso all’Hilton Rome Airport di Fiumicino, la consacra come regina indiscussa della scherma. Uno schiacciante risultato di 15-3 per sancire la definitiva sconfitta della russa Viktoria Boykova e mordere, ancora una volta, la medaglia.

    Bebe Vio: oro ai Paralimpici dopo Eger e i Giochi di Rio 2016

    Mondiali Paralimpici di scherma a Fiumicino

    I Mondiali Paralimpici 2017 di scherma a Roma vedono salire la talentuosa azzurra sul gradino più alto del podio a due anni dal trionfo mondiale di Eger, Ungheria. Una competizione durissima, che ha dato del filo da torcere agli equilibri di Bebe Vio, ma che ritorna a dominare senza pari.

    Nei quarti di finale ha sconfitto la georgiana Irma Khetsuriani (15-5), in semifinale la russa Irina Mishurova (15-1). In finale, oro mondiale a un anno dai fortunati Giochi di Rio 2016, in cui aveva battuto con un 15-7 la cinese Zhou.

    Jovanotti la sua forza

    L’oro di Bebe Vio, 20 anni e una grinta da paura, appassiona migliaia di fans della schermitrice, non ultimo Jovanotti. L’artista è uno dei più grandi tifosi dell’azzurra, e proprio alla vigilia della difficile sfida per il titolo iridato le ha inviato il suo ultimo singolo, dal titolo “Oh, vita”, ispirato alla sua storia.

    Un ascolto in gran segreto, dal momento che il brano non è stato ancora ufficialmente rilasciato, ma che ha dato a Vio l’input per tenere alta l’adrenalina di gara.

    “Jovanotti mi ha mandato la sua nuova canzone, sono contentissima. È stato bello sentire il suo inedito e canticchiarlo nella mia testa durante la gara”, ha dichiarato la campionessa in conferenza stampa.

    Bebe Vio: “Felice di questa vittoria”

    “Tutti mi dicevano che avrei vinto: è stato un incubo”, così Bebe rivela il lato più nascosto di una competizione che, all’occhio inesperto, potrebbe apparire come un percorso in discesa, ma in realtà nasconde insidie toste, di quelle che ti tolgono il fiato e ti fanno sudare la vittoria.