Mondiali 2014, il rientro degli Azzurri in Italia [FOTO]

Mondiali 2014, il rientro degli Azzurri in Italia [FOTO]
da in Mondiali 2014
Ultimo aggiornamento:

    Mondiali 2014, il rientro degli Azzurri in Italia. Occhi bassi, umore a terra e “coda tra le gambe”, il ritorno degli Azzurri, dopo il flop ai Mondiali 2014, non è stato certo entusiasmante. Ad accoglierli in quel di Malpensa, dove sono sbarcati poco dopo le 10:30 del 26 giugno, pochissimi tifosi, evidentemente delusi, e molti giornalisti, altrettanto amareggiati dal mutismo generale. Solo Buffon ammette con sincerità: “Abbiamo fatto una brutta figura”.

    Il charter proveniente da Rio è atterrato a Milano Malpensa il 26 giugno, dopo ben 11 ore di volo. A bordo la Nazionale Azzurra, amareggiata per la clamorosa sconfitta, insieme ai familiari. All’arrivo in aeroporto i giocatori, con sguardo basso, hanno dribblato tifosi (pochissimi) e giornalisti con incredibile talento, quello che avrebbero dovuto esibire in campo! Solo Gigi Buffon ha ammesso la cocente sconfitta “Abbiamo fatto una brutta figura”, ma sul caso Balotelli silenzio assoluto. D’altra parte il centrocampista della Juventus Andrea Pirlo ha confermato di essere ancora a disposizione della Nazionale “ Se serve un centrocampista, io sono qui”, nonostante l’esperienza fallimentare brasiliana.

    All’arrivo a Malpensa c’era anche lui, il SuperMario nazionale, in compagnia dell’ormai inseparabile fidanzata Fanny Neguesha, futura signora Balotelli. Muso lungo celato sotto un berretto da ragazzino, non ha proferito parola mentre raggiungeva quatto quatto il suo pulmino privato. Evidentemente c’è ancora tensione nell’aria tra il mister Cesare Prandelli e il centravanti azzurro, sostituito durante l’intervallo Italia-Uruguay senza una ragione apparente.

    Senza contare il vespaio di polemiche suscitate dalle sue prestazioni deludenti e dagli attacchi di Balotelli su Instagram contro gli Italiani: “Cercate un’altra scusa perché io ho dato tutto per questo Paese, ma forse, come dite voi, non sono italiano. Gli africani non scaricherebbero mai un loro “fratello”. Mai. In questo noi negri, come ci chiamate voi, siamo anni luce avanti. Vergogna non è chi può sbagliare un gol o correre di meno o di più. Vergognose sono queste cose. Italiani veri! Vero?”. L’Italia sul suo conto rimane divisa, lui nel frattempo si concede un cambio di look, sfoggiando una cresta bionda in barba alle polemiche.

    394

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondiali 2014 Ultimo aggiornamento: Venerdì 27/06/2014 16:39
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI