Moda eco chic: ecologia e riciclo

Moda eco chic: ecologia e riciclo
da in Moda, Style, Design, Eco-chic, Ecologia
Ultimo aggiornamento:

    Si parla moltissimo di moda eco, di riciclo dei materiali, e di problemi legati all’ambiente, e proprio per questo oggi vi mostriamo cosa si può ottenere riutilizzando ciò che non ci serve più e creando capi di gran moda.

    I problemi legati all’ambiente e al risparmio energetico ormai non possono più essere ignorati, e proprio da questo principio nasce l’esigenza di darsi da fare un po’ in tutti i settori per aiutare la natura.

    Ovviamente dai settori in questione non potevano essere esclusi neanche quello della moda e del design, che offrono infinite possibilità di riuso e ripristino dei materiali.

    Lo sappiamo bene, e l’arte dello scorso secolo ce l’ha insegnato molto bene, anche dalla spazzatura, ovvero da ciò che non utilizziamo più può nascere qualcosa di incredibilmente bello.

    Poi quando c’è lo zampino della moda e del design, quelli che un tempo ci sembravano solo rifiuti primi di vita e di utilità, possono tornare a vivere, e diventare veri pezzi eco chic.

    Le possibilità in questo senso sono veramente tante, pensate ad esempio, che da una sostanza naturale come il mais è stata realizzata addirittura una di intimo dal nome Poppy di Luna.

    La collezione di intimo è interamente in fibra di mais, è colorata e sexy, proprio come quelle che siamo abituate a vedere e ad indossare, ma in più è eco.

    Rispetto al nylon, l’uso di questo eco materiale, aiuta a ridurre del 63% l’ emissione di gas serra durante la lavorazione.


    Un altro esempio? Immaginate una bella borsa realizzata grazie al riutilizzo di una gomma bucata di un’auto.

    Ci ha pensato Hell’s Kitchen, che ha dato vita ad un’intera collezione di borse formata dal riciclo delle camere d’aria dei camion, mentre le tracolle sono cinture di sicurezza e le fodere vecchie t-shirt.

    Per finire il prototipo più fantasioso, ovvero una sveglia che funziona versandoci all’interno dell’acqua.

    Questo processo all’insegna dell’ecologia, è possibile grazie ad una fonte di energia rappresentata dall’acqua e il sale. Riempiendo l’orologio, si scatena al suo interno una reazione chimica tale, da permettergli il funzionamento come se fosse un tradizionale orologio.

    Foto:
    www.milanodabere.it
    www.alimata.com
    www.hi-techlife.com

    454

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ModaStyleDesignEco-chicEcologia

    Speciale Pasqua

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI