Natale 2016

Miss Italia 2012, addio al bikini per le concorrenti?

Miss Italia 2012, addio al bikini per le concorrenti?
da in Bellezza, Gossip, Miss Italia
Ultimo aggiornamento:

    MISS ITALIA 1950

    Potrebbe esserci una grande novità nell’edizione 2012 di Miss Italia, attesa per il prossimo settembre. Le concorrenti infatti potrebbero non indossare più il bikini, come proposto da Patrizia Mirigliani, che sta anche pensando di proporre agli utenti del web un sondaggio per esprimere le loro preferenze. Il bikini è un pezzo del guardaroba femminile che ha segnato un’epoca e che, a suo tempo, è stato davvero rivoluzionario.

    Patrizia Mirigliani ha infatti proposto di dire addio al bikini per le concorrenti. Il motivo? Secondo la Mirigliani, il bikini non è strettamente necessario per valutare la bellezza delle candidate alla fascia di Miss Italia. “Non sono diventata matta, il nostro è e resta un concorso di bellezza e pertanto chi giudica deve poter guardare bene le candidate. Ma non c’è bisogno di un bikini in uno studio televisivo a settembre inoltrato per valutare se una è bella oppure no”.

    Secondo Patrizia Mirigliani inoltre, le ragazze sarebbero valorizzate anche nella loro personalità sfilando con abiti pensati e scelti da loro e per loro. Miss Italia è in tutto e per tutto un programma televisivo in cui sarebbe sbagliato dare un messaggio distorto sulla femminilità e sul ruolo della donna in TV. Soubrette e presentatrici sempre troppo poco vestite (vi basti solo ricordare lo scandalo della farfallina di Belen a Sanremo) sono all’ordine del giorno. E’ giusto che una ragazza che deve rappresentare l’Italia anche nel mondo venga giudicata ed esaminata sotto i riflettori in bikini? Non siamo forse stufe dello sfruttamento del corpo femminile in televisione e nella moda?

    Patrizia Mirigliani vuole dare un segnale forte soprattutto perché quello di Miss Italia è uno dei concorsi più amati e seguiti: “Sottoscrivo in pieno le considerazioni del ministro Fornero, mi sento lusingata dal non essere stata chiamata in causa sui ‘cattivi esempi’ e mi allineo, dando un segnale forte, da donna, alle donne”. La proposta della Mirigliani punta a mettete in luce la personalità delle Miss ma anche ad esaltare la moda italiana: secondo le indiscrezioni infatti le ragazze sfileranno in abiti haute couture. Cosa ne pensate di questa scelta a suo modo rivoluzionaria?

    Il bikini è comunque legato, nella sua storia, anche alla passerella di Miss Italia. Dal 1946, quando il concorso “Cinquemila lire per un sorriso” cambia il nome in “Miss Italia”, fu un susseguirsi di innovazioni fino a che Lucia Bosè (vincitrice nel 1947), indossò per prima il bikini.

    “Coprente e pudico, il mio era fatto in casa, con un pezzo di stoffa da tappezzeria.

    Era a tutti gli effetti un cencio cucitomi addosso! Eppure piacque!” dice la Bosè.

    “La diffusione del bikini nazionale – ha spiegato Michela De Giorgio, storica del movimento femminile della moda, docente all’università di Sassari – deve molto a “Poveri ma belli”, il film di Dino Risi che nel 1956 impose un triangolo di nuove bellezze – maschili e femminili – i fusti debuttanti, Renato Salvatori e Maurizio Arena, e la giovane Marisa Allasio. Questa commedia sentimentale all’italiana si svolgeva in gran parte sul Tevere. Sembrava dissonante, in quella struttura balneare tardo ottocentesca, l’apparizione del bikini, pur castigato, di Marisa Allasio. Fu lei l’iniziatrice dell’uso cinematografico di un indumento che allora aveva una forte carica trasgressiva. Poco contavano le ascendenze cinematografiche, americane o francesi, visto che sugli schermi italiani è proprio il bikini della Allasio, biondina poco nazionale, ad allargare i confini della visibilità del corpo femminile, la prima a mostrare con disinvoltura e consapevole affermazione di sé, l’ombelico”.

    Le prime notizie riguardo al bikini arrivano nel 1902 dalle spiagge francesi. Jean-Claude Kaufmann, sociologo ha studiato l’evoluzione dell’abbigliamento da spiaggia, compresa la comparsa dei primissimi costumi e del bikini. Un’evoluzione che ha portato piano piano all’introduzione di modelli sempre più succinti, come il monokini o il tanga.

    Già dal 1950 indossare il bikini era la norma: fece impazzire migliaia di uomini la seducente Sofia Loren che indossò per prima un modello di raso con il quale vinse il titolo di Miss Eleganza.

    711

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BellezzaGossipMiss Italia

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI