Natale 2016

Minori scomparsi, tutti i casi di cronaca ancora irrisolti

Minori scomparsi, tutti i casi di cronaca ancora irrisolti
da in Bambini, Cronaca, Minori scomparsi
Ultimo aggiornamento:

    I minori scomparsi nel nulla in Italia negli ultimi decenni sono davvero tantissimi. Tanti casi di cronaca restano ancora avvolti nel mistero. Ogni anno nel nostro Paese si avviano le ricerche per circa 3mila minori che all’improvviso non tornano a casa e di cui si sono perse le tracce. Un triste e complesso fenomeno che resta in gran parte sommerso ed è al tempo stesso difficile da monitorare. Un trend drammatico che angoscia e sconvolge l’opinione pubblica nazionale e dietro il quale si celano diversi motivi: dall’allontanamento volontario da casa al rapimento per mano di malviventi fino alla sottrazione di minore da parte di uno dei genitori. Storie di inquietanti sparizioni che ancora oggi tormentano i famigliari dei minori scomparsi. Tra i casi nazionali di cronaca più eclatanti ed emblematici che tengono banco quasi quotidianamente sui giornali, in tv e in radio spiccano sicuramente quelli relativi alle scomparse di Denise Pipitone, Angela Celentano ed Emanuela Orlandi.

    Denise Pipitone è scomparsa all’età di 4 anni l’1 settembre 2004 da Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, mentre si trovava nei pressi della casa della nonna materna. Inizialmente la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, è stata accusata di sequestro di minore in concorso ed è stata rinviata a giudizio il 18 gennaio 2010. La donna è stata poi assolta in primo grado dal Tribunale di Marsala il 27 giugno 2013 e il successivo 2 ottobre 2015 la Corte d’appello di Palermo ha confermato l’assoluzione per insufficienza di prove. Anche in questo caso gli inquirenti hanno seguito tante piste: da quella satanica a quella privata (una vendetta all’interno della famiglia), dall’usura al sequestro. La mamma di Denise, Piera Maggio, è una donna forte e determinata. Non si arrende e invoca giustizia per la sua piccola bambina.

    Angela Celentano è scomparsa all’età di 3 anni la mattina del 10 agosto 1996 durante una gita con i suoi genitori e altre 40 persone al Monte Faito. Un viaggio organizzato come ogni anno in estate dalla comunità evangelica di Vico Equense (Napoli), a conclusione della scuola domenicale per i bambini. Da quella maledetta giornata si sono perse le tracce della figlia di Maria e Catello Celentano. La piccola Angela è stata vista l’ultima volta scendere presso un sentiero insieme con due altri bambini, le cui versioni però sono contraddittorie. In tutti questi anni gli inquirenti non hanno escluso nessuna pista e hanno seguito ogni segnalazione. E’ ricercata in tutto il mondo.

    L’ultima pista seguita dagli inquirenti è quella messicana. Nel 2010 una giovane donna di nome Celeste Ruiz ha inviato diverse email dal Messico a Maria e Catello Celentano dichiarando di essere Angela e di essere stata adottata, e precisando di non voler essere più cercata… I numerosi flop nelle ricerche e le angoscianti lungaggini burocratiche non hanno mai scoraggiato i genitori di Angela Celentano che sono pronti a tutto pur di riabbracciare la loro bambina scomparsa nel 1996.

    Emanuela Orlandi è scomparsa in circostanze misteriose all’età di 15 anni il 22 giugno 1983. Il caso della sparizione della cittadina vaticana, figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia, è sicuramente uno dei più intricati, misteriosi e oscuri della storia italiana e della storia vaticana. In tutti questi anni gli inquirenti hanno seguito tante piste e tante ipotesi: dalla teoria pedofila ai presunti collegamenti con la Banda della Magliana, dai presunti collegamenti con l’attentato a Giovanni Paolo II a quelli con lo scandalo IOR fino al caso Calvi. Un caso di cronaca nera davvero sconvolgente e terribile che ha coinvolto lo Stato Vaticano, lo Stato Italiano, l’Istituto per le Opere di Religione (IOR), la Banda della Magliana, il Banco Ambrosiano e i servizi segreti di diversi Paesi. Il fratello e i famigliari di Emanuela Orlandi non si rassegnano alla ricerca della verità. Un altro complesso e inquietante giallo che al momento non trova soluzione.

    Il rapporto del Viminale sui dati che prendono in esame il periodo che va dal primo gennaio 1974 al 30 giugno 2015 ha evidenziato che i minorenni scomparsi in Italia e ancora da rintracciare sono ben 18.287, di cui 1.812 sono italiani e 16.475 sono stranieri. Che cosa occorre fare quando un bambino scompare? Occorre segnalare tempestivamente e correttamente la scomparsa alle forze dell’ordine, fornendo subito una foto recente e una descrizione precisa del minore e dei capi di abbigliamento che indossava al momento della scomparsa. Per sensibilizzare l’opinione pubblica nazionale e internazionale sull’esigenza di sviluppare nuove e più efficaci forme di collaborazione e di coordinamento per proteggere i bambini ed evitare scomparse e rapimenti si celebra il 25 maggio di ogni anno la Giornata Internazionale per i Bambini Scomparsi. Inoltre per far fronte a questo fenomeno così diffuso e drammatico, la Commissione Europea ha istituito il numero unico europeo 116000. Coordinato da Missing Children Europe, il numero è operativo in diversi Stati membri dell’Unione europea. In Italia questa linea telefonica è gestita da Telefono Azzurro che risponde 24 ore al giorno a chiunque voglia segnalare situazioni di scomparsa o di avvistamento di minori.

    862

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniCronacaMinori scomparsi

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI