Minori scomparsi: in Europa sono 50mila ogni anno, uno ogni due minuti

L'allarme sul fenomeno dei bambini scomparsi è una questione che interessa l'intera Europa. I minori scomparsi, molti dei quali stranieri non accompagnati, in gran parte dei casi non verranno più ritrovati. Si tratta di un fenomeno che Telefono Azzurro definisce 'sottostimato', talvolta sottovalutato, ma in continua e preoccupante crescita.

da , il

    Minori scomparsi: in Europa sono 50mila ogni anno, uno ogni due minuti

    Ogni anno, in Europa, sono circa 50.000 i minori scomparsi. Le segnalazioni arrivano al numero unico europeo 116.000, gestito in esclusiva per l’Italia da Telefono Azzurro, e i dati sono allarmanti. Una dichiarazione di scomparsa ogni due minuti, con una diffusione del fenomeno trasversale a tutti i Paesi Ue. Lo afferma una relazione di Missing Children Europe, la Federazione europea che si occupa dei bambini scomparsi e vittime di sfruttamento sessuale, attiva in 24 Stati europei. Dal 2009 sono circa 2000 i minori scomparsi segnalati in Italia, una tendenza che è comune a molte altre nazioni. La hotline 116.000 raccoglie segnalazioni che nel 57% dei casi riguardano la “fuga” del minore, nel 23% il rapimento. Molti bambini e adolescenti scappano dai centri di accoglienza, inghiottiti nel nulla e sempre più spesso vittime di abusi sessuali e tratta di minori.

    Minori scomparsi: il dossier allarmante di Telefono Azzurro

    Le scomparse di bambini, segnalate in Europa nel 2016 al numero di emergenza unico, sono state 5742, con un trend in forte aumento rispetto all’anno precedente.

    Il lavoro delle organizzazioni che si occupano del problema è piuttosto complicato. Si tratta di adottare piani di intervento e ricerca in sinergia tra tutti i Paesi Ue, e in Italia il referente principale è Telefono Azzurro. Il dossier pubblicato in occasione del Missing Children’s Day ha evidenziato una situazione di elevata criticità. Dal 2009 sono 1816 le segnalazioni generiche di scomparsa, avvistamento e ritrovamento di minori pervenute all’associazione italiana. Nello specifico, sono stati 1037 i nuovi casi di scomparsa.

    MINORI SCOMPARSI: TUTTI I CASI ANCORA IRRISOLTI

    L’allarme di Telefono Azzurro: “Fenomeno sottostimato”

    Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro, ha parlato di un “fenomeno sottostimato” rispetto alla ben più grave incidenza del problema. Come già evidenziato anche nell’approfondito dossier di Telefono Azzurro sui minori vittime di abusi sessuali e pedofilia, si tratta di dati che emergono in un oceano di casi mai venuti a galla. L’unico metro di valutazione della portata del fenomeno è, appunto, quello delle segnalazioni, ma non tutti i bambini scomparsi vengono segnalati.

    Minori stranieri non accompagnati: scomparse in aumento

    I minori stranieri non accompagnati, tutelati da precise leggi sull’accoglienza, sono un caso a sé stante: per tanti di loro il destino è quello di fuggire dai centri che li accolgono, con un incremento delle fughe segnalate davvero preoccupante.

    Dal primo gennaio al 31 marzo 2017, infatti, nel 79,63% dei casi segnalati al 116.000 di Telefono Azzurro, si è trattato della scomparsa di questi minori. Tradotto in numeri, si parla di 87 casi di scomparsa nel primo trimestre dell’anno, ben oltre la metà dei bambini scomparsi nel 2016.

    IL DRAMMA DEI MINORI SCOMPARSI: INGHIOTTITI NEL NULLA E VITTIME DEL TRAFFICO DI ESSERI UMANI

    Minori scomparsi: tipologie di casi e segnalazioni

    Il servizio unico europeo 116.000 raccoglie segnalazioni su diverse tipologie di scomparsa. Alcuni, nel peggiore dei casi, sono bambini scomparsi e ritrovati morti. Nel macrosistema “Minori scomparsi” si inseriscono le seguenti micro-aree di intervento:

    - scomparsa non altrimenti specificata;

    - sottrazione parentale;

    - rapimento;

    - fuga;

    - minori stranieri non accompagnati.

    Segnalazioni di bambini scomparsi: il ruolo del 116.000 europeo

    Il 116.000 ha come compito primario quello di estendere la ricerca del minore scomparso oltre i confini nazionali, adottando un sistema di condivisione delle informazioni e delle segnalazioni massimizzato a tutti i Paesi Ue. La Romania è la nazione più prodiga da questo punto di vista, con una collaborazione attiva nel 22% dei casi trattati in Europa.

    Il numero unico europeo ha raccolto, nel 56,60% dei casi, segnalazioni di scomparsa per minori di sesso maschile. La fascia d’età maggiormente coinvolta, secondo i dati, è quella tra i 15 e i 18 anni, e va a posizionarsi sul 51,92% di incidenza nel complessivo numero di scomparse segnalate.